Domenica 17 Gennaio09:55:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

FOTO Rimini-Aglianese 1-3, mister Mastronicola: 'Abbiamo reso l'Aglianese ancora più forte. Persi tutti i duelli'

Il tecnico: 'Dopo l'1-1 pensavo che la squadra mettesse più determinazione e personalità, invece...'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 18:00 - 29 Novembre 2020 Alessandro Mastronicola (in gallery il match winner Brega e alcuni scatti della partita) Alessandro Mastronicola (in gallery il match winner Brega e alcuni scatti della partita).

A fine partita è lunga l’attesa in sala stampa. Mister Alessandro Mastronicola: “L’Aglianese è forte e lo sapevamo, noi le abbiamo permesso di esserlo ancora di più. Mi aspettavo un Rimini diverso dall’inizio, invece così non è stato perché abbiamo perso tutti gli uno contro uno che sono fondamentali a parte quello del gol di Vuthaj e quando è così devi sperare di portare a casa qualcosa - commenta il tecnico - . Pensavo dopo il gol che la squadra mettesse in campo quel qualcosa in più che fino allora era mancato, cioè personalità, determinazione, di voglia di dare qualcosa in più, e invece così non è stato e la partita è andata come è andata. Abbiano avuto paura di giocare contro una grande squadra. Sono convinto che noi non  abbiamo nulla da invidiare all’Aglianese anche se strutturati in modo diverso, per questo la sconfitta mi provoca grande rabbia. Ridimensionati? Non penso in negativo, questa sconfitta mi dà rabbia. Sono avvelenato. I ragazzi devono capire che la strada non è questa, si deve cambiare rotta, tutti. E' una lezione che deve servire a cominciare da me.

Da parte sua mister Francesco Colombini spiega: “Ero curioso dopo il lungo stop di vedere come si comportava la squadra e devo dire che la risposta è stata ottima. Abbiamo margini d crescita in relazione ai miglioramenti che farà il gruppo. Dobbiamo crederci”.

Il Rimini esce ridimensionato?

“Guardo solo in casa mia, diciamo che siamo riusciti a fare quello che avevamo preparato per limitare la manovra del Rimini, Ricciardi in particolare, e sfruttare le risorse offensive”.

Stefano Ferri

 

ASCOLTA L'AUDIO