Domenica 17 Gennaio10:25:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prima giornata nazionale dell'albero e della sostenibilità a San Marino

Piantumato un albero per ogni struttura scolastica della repubblichina

Attualità Repubblica San Marino | 10:12 - 26 Novembre 2020 La piantumazione di un nuovo albero a San Marino La piantumazione di un nuovo albero a San Marino.


Sabato 21 novembre si è celebrata per la prima volta in territorio sammarinese la giornata nazionale dell’albero e della sostenibilità ambientale, istituita per sensibilizzare la popolazione all’importanza del patrimonio arboreo, ricordando il ruolo fondamentale ricoperto da boschi e foreste nel ciclo di vita del nostro pianeta e per lo sviluppo sostenibile.

Il weekend appena trascorso ha visto compiersi una serie di iniziative mirate a diffondere la cultura della sostenibilità, legandosi in alcuni casi anche alle celebrazioni della giornata contro la violenza sulle donne. Sabato mattina il segretario di Stato al Territorio e all’ambiente Stefano Canti ha inaugurato ufficialmente il progetto “Scuola plastic free” dotando i licei di sei nuovi erogatori di acqua potabile a chilometro zero. Successivamente, insieme al segretario di Stato alla Sanità Roberto Ciavatta è stato presentato al giardino dei Liburni il progetto “L’albero delle parole gentili” a cura della commissione pari opportunità in collaborazione con l’ufficio gestione risorse ambientali e agricole.

Nella giornata di venerdì invece i plessi scolastici del territorio unitamente all’Ugraa hanno predisposto un’importante serie di piantumazioni all’esterno dei loro edifici. Il maltempo ha costretto a rinviare la simbolica cerimonia alla sala polivalente di Murata, alla quale avrebbero dovuto prendere parte i bimbi della scuola dell'infanzia di Murata alla presenza dei segretari di Stato Stefano Canti e Andrea Belluzzi.  Proprio questa cerimonia sarà rinviata a data da destinarsi, in ottemperanza alle nuove disposizioni sanitarie per contrastare l’epidemia Covid-19, garantendo così la sicurezza dei bambini, dei genitori e degli stessi insegnanti dell’istituto.