Luned́ 18 Gennaio11:48:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ragazzi senza mascherina, agenti accerchiati. Petitti: "Non seguite i cattivi esempi"

E' accaduto nel tardo pomeriggio di lunedì in Corso d'Augusto, tre denunce

Attualità Rimini | 15:49 - 25 Novembre 2020 Momenti di concitazione in Corso d'Augusto a Rimini lunedì scorso Momenti di concitazione in Corso d'Augusto a Rimini lunedì scorso.

Il presidente dell'assemblea regionale Emma Petitti commenta i fatti avvenuti nel pomeriggio di lunedì a Rimini, riportati in anteprima dalla nostra redazione, quando alcuni agenti di Polizia sono stati accerchiati in Corso d'Augusto da un gruppo di ragazzi e passanti, dopo aver chiesto a due 18enni e a un 17enne di indossare le mascherine (poi sanzionati per questo, inoltre denunciati per il rifiuto di fornire le proprie generalità). Ci sono stati momenti di tensione e pare sia intervenuto anche una persona, qualificatasi come avvocato, a sostegno dei tre. La Petitti parla di fatto «grave, brutto e da condannare» e invita i giovani a non seguire quell'esempio, pur comprendendo che in questa fase di pandemia ragazzi e ragazze siano i più penalizzati, vista la riduzione della socialità. «Adesso chi è più giovane si sente a disagio, stanco delle restrizioni. Ma è necessario tenere duro, soprattutto in questa fase cruciale, con la consapevolezza che il contributo di tutte e tutti è indispensabile per far crescere una società con un rinnovato senso civico», evidenzia la Petitti, che invita a non abbassare la guardia. Ribadendo: «non seguite i cattivi esempi: mantenete tutti quei comportamenti virtuosi che ci permettono di tenere a bada il virus. Sino ad ora lo avete fatto in maniera eccellente, e non è scontato. Avete dato prova di grande maturità. Continuate così».