Luned́ 18 Gennaio02:06:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, don Redeo sconfitto dal coronavirus: muore il parroco di Santa Rita

Da tempo ospite della casa del clero, era ricoverato da giorni al Ceccarini per Covid-19

Attualità Riccione | 12:06 - 23 Novembre 2020 Di Sailko - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35494125 Di Sailko - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35494125.


È morto domenica sera a 92 anni don Redeo Baffoni, già rettore di santa Rita a Rimini da tempo ospite della casa del clero e ricoverato all’ospedale Ceccarini di Riccione per aver contratto al Covid-19. Il nuovo coronavirus ha aggravato condizioni già complesse per altre patologie. Lunedì 23 novembre sarà celebrata la preghiera del rosario in sua memoria alle ore 16.30 mentre il funerale è previsto per martedì 24 novembre alle 10 nella chiesa che per tanti anni ha servito.

Nato a MonteColombo il 30 gennaio 1928, era stato ordinato sacerdote il 23 settembre 1950 per mano del vescovo Emilio Biancheri. Dal 1999 era stato designato dall’allora vescovo Mariano De Nicolò quale assistente ecclesiastico dei vigili del fuoco. Per 16 anni ha ricoperto anche il ruolo di vicecancelliere, incarico dal quale si era dimesso nel luglio 2007. Dal 1955 al 1977 don Baffoni aveva svolto il servizio pastorale in qualità di parroco a santa Maria in Pietrafitta. In quell’anno era stato poi designato parroco a santa Rita (parrocchia poi soppressa il 31 dicembre 1990), e aveva proseguito il servizio come rettore. Per tanti anni ha curato e diretto il Bollettino diocesano, la rivista ufficiale per gli atti del vscovo e della curia riminese. Aveva inoltre fatto nascere a negli anni Settanta il centro diocesano di aiuto ai poveri di santa Rita.

“Un grazie particolare a quanti lo hanno assistito con cura in questo ultimo anno, in particolare alla badante Elena - ha ricordato il vicario generale della diocesi don Maurizio Fabbri - accompagnamo don Redeo in questo viaggio con la nostra preghiera”.