Venerd́ 27 Novembre23:31:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Marche ed Emilia-Romagna regioni arancioni, San Marino aumenta i controlli in ingresso e uscita

L'ammonizione del Congresso di Stato: "Rispettiamo le disposizioni dell'Italia"

Attualità Repubblica San Marino | 12:30 - 16 Novembre 2020 Marche ed Emilia-Romagna regioni arancioni, San Marino aumenta i controlli in ingresso e uscita


Il Governo di San Marino raccomanda ai propri cittadini comportamenti responsabili in merito alle nuove norme vigenti nelle due regioni adiacenti, le Marche e l'Emilia-Romagna, entrambe passate in fascia di rischio arancione. Per farlo, ha predisposto anche maggiori controlli sulle aree di confine per verificare gli spostamenti.

Nessuno spostamento dunque fra i territori, se non per i comprovati motivi previsti per le zone arancioni. Nel frattempo sono in corso contatti con le prefetture di Rimini e Pesaro, per definire un preciso elenco dei validi motivi che possano giustificare gli eventuali spostamenti. La volontà è quella di ricercare le migliori forme di collaborazione e di armonizzazione delle diverse disposizioni in vigore fra i nostri territori. Le forze dell’ordine sammarinesi saranno impegnate in un’azione di vigilanza sulle aree di confine per controllare gli spostamenti.

Essere al confine con una zona arancione significa rispettare con rigore tutte le disposizioni assunte per contenere il contagio. Con questa ferma convinzione, il Congresso di Stato ha stabilito di adottare le misure necessarie a garantire il massimo rispetto delle regole vigenti nelle province confinanti e richiama la cittadinanza sammarinese ad attenersi con scrupolo a quanto disposto dalle autorità italiane per la mobilità nei territori limitrofi.