Venerdė 27 Novembre04:04:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il pasticcere Enzo Tagliaferri crea il Panettone Romagna. Ecco come è fatto

Una nuova interpretazione del più classico dolce di Natale, la lettura è 100% naturale

Attualità Morciano di Romagna | 11:02 - 16 Novembre 2020 Il panettone Romagna Il panettone Romagna.

La pasticceria Garden ha compiuto nel 2019 trent'anni, fondata nel 1989 da Enzo Tagliaferri e Claudio Castiglioni, rispettivamente maestro pasticcere e manager organizzativo e commerciale dell’impresa artigiana di Morciano di Romagna. 

Nel Natale più particolare e difficile, segnato ancora da pandemia e crisi economica, Il Garden investe in un nuovo prodotto, un dolce, figlio di un percorso di ricerca giocato interamente tra tradizione e innovazione. Un percorso con alle spalle mesi di lavoro nel laboratorio della pasticceria e condotto da Enzo Tagliafferri. Obiettivo: ottenere una ricetta in grado di coniugare il più classico dei dolci natalizi con le materie prime del territorio romagnolo. Da quelle della Valconca a quelle di Cesena, per arrivare alla costa adriatica di Cervia. Un dolce acquistabile, da questa settimana, direttamente nell’atelier di dolci e caffè di Morciano e on line sul sito www.pasticceriagarden.it

Il Panettone Romagna 

Il dolce nasce da farina di grano tenero tipo 00, burro di latteria italiana, tuorli d’uovo da allevamenti a terra del territorio, zucchero semolato, lievito madre naturale di frumento (25 anni d’età), acqua, cubetti canditi di pesca nettarina cesenate, miele di tiglio di Montescudo (Azienda Dettori), latte in polvere e pasta d’arancio. A dare un lieve tocco di sapidità, in grado di sposarsi con l’acidità al palato della pesca nettarina: il sale dolce di Cervia. Dal primo impasto alla cottura (160 gradi), la lievitazione è sempre di almeno 36 ore. Ingredienti e lavorazione sono completamente naturali, non utilizzati conservanti addensanti o emulsionanti di alcun tipo. Panettone Romagna è confezionato con materiali riciclabili e si presenta avvolto in un panno in tessuto, caratterizzato dalla stampa color ruggine tipica della tovaglia romagnola. 

Dichiarazioni 

“Per il pasticcere il panettone è sempre una sfida. È un dolce complesso da realizzare. Preparazione, lievitazione e cottura, devono sempre trovare un equilibrio perfetto tra loro. È un dolce ormai uscito dalla stagionalità invernale e interpretato in modo innovativo da tanti grandi maestri pasticceri di ogni regione italiana, che leggono in modo differente dal passato storia e tradizione dello straordinario panettone classico milanese. Per il nostro panettone abbiamo scelto solo materie prime della nostra Romagna e pensiamo di avere realizzato un dolce, forse inconsueto, ma con un’identità di profumi, sapori, gusto, in grado di fare esprimere al meglio le grandi materie della nostra terra, anche in pasticceria”. 

Enzo Tagliaferri, maestro pasticcere Garden  

“Da anni nel nostro laboratorio prepariamo panettone tradizionale, accompagnato da quelli al mandarino e cioccolato bianco, cioccolato, amarena, cioccolato e ai frutti di bosco. Da tempo insieme a Enzo pensavamo a come realizzarne uno che fosse 100% romagnolo. Paradossalmente, proprio un momento di grande difficoltà, sanitaria e lavorativa per la nostra azienda, come il lock down down della scorsa primavera, ci ha dato il tempo per un lungo periodo di prove, tentativi ed esperimenti. Un lavoro servito per arrivare alla ricetta del Panettone Romagna. Oggi in un momento, ancora difficile per salute e prospettive economiche, per il Garden questo dolce è un segnale di fiducia, di investimento che guarda avanti e offre un prodotto completamente nuovo. Nella sua diffusione un grande aiuto ci sarà offerto dalla vendita on line. Il numero delle persone che utilizza l’e-commerce per gli acquisti cresce ogni giorno. Ciò avviene anche nella nostra pasticceria. Grazie al web il Panettone Romagna può arrivare comodamente, velocemente, direttamente a casa dei nostri clienti in tutta Italia e all’estero. Il tutto nel pieno rispetto delle doverose misure di distanziamento e di limitazione degli spostamenti delle persone”.