Domenica 29 Novembre00:24:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Criminalità, spaccio e prostituzione, il grido di allarme a Miramare e Marebello

Alessio Nucci di Fratelli d'Italia chiede più presenza delle forze dell'ordine, partendo dalla polizia municipale

Attualità Rimini | 14:50 - 12 Novembre 2020 Prostituzione zona Miramare, foto di repertorio Prostituzione zona Miramare, foto di repertorio.


Alessio Nucci di Fratelli d'Italia Rimini rilancia il grido d'allarme dei residenti di Miramare e Marebello che hanno denunciato "il totale abbandono" della zona di Rimini Sud; "la zona più problematica e con il più alto tasso di criminalità", spiega Nucci secondo il quale c'è una spaccatura profonda tra la zona che comprende il centro storico e il borgo San Giuliano, definito "il salotto buono coccolato e protetto" e il resto della città: "una disparità enorme di presìdi, di controlli, di attenzione, di presenza delle istituzioni". Nucci chiede più presenza delle forze dell'ordine, partendo dalla polizia municipale, sottolineando la paura "che hanno le famiglie e i commercianti", costretti a convivere con "prostituzione, spaccio di droga a cielo aperto, immigrazione clandestina fuori controllo, attività commerciali abusive con conseguente evasione fiscale e contributiva". Nucci, quale coordinatore del circolo territoriale destra sociale di Fratelli d'Italia, annuncia visite alle attività commerciali "per portare la nostra vicinanza e recepire problemi e necessità di una parte di città che nessuno ascolta più da tempo".