Sabato 28 Novembre18:23:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Verucchio: inalterate le rette scolastiche, nonostante aumento dei costi della mensa

Il comune ha stanziato 30.000 euro anche per disporre sussidi mensa alle famiglie in difficoltà

Attualità Verucchio | 13:33 - 12 Novembre 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Il comune di Verucchio stanzia oltre 30.000 euro per farsi carico dei costi aggiuntivi dettati dall'emergenza Covid, mantenendo inalterate le rette per i servizi scolastici e disponendo sussidi-contributi sui pasti in mensa per le famiglie in difficoltà e sconti di 50 euro sugli abbonamenti allo scuolabus dal secondo figlio in poi. Nel dettaglio, i costi aggiuntivi per mettere in sicurezza il servizio mensa (dispositivi per il personale, attività di sanificazione, alternanza delle classi con gestione di più turni alla scuola primaria Rodari e attività integrative allo sporzionamento alla primaria Carletti-Franzolini) sono stati quantificati in 26.367 euro. La giunta comunale ha dato anche il via libera agli sconti di 50 euro sull'abbonamento annuale allo scuolabus per le famiglie con più di un figlio ad utilizzare il servizio e con reddito Isee inferiore a 13.000 euro dal secondo figlio in poi, nonché a uno stanziamneto di 5000 euro per contributi-sussidi per il consumo dei pasti in mensa. Spiega l'assessore ai servizi educativi e scolastici Sabrina Cenni: “Le domande dovranno essere presentate agli uffici comunali entro il 30 novembre su apposita modulistica scaricabile dal sito del Comune e dovranno essere sottoscritte da un genitore o da chi ne fa le veci allegando  un valore Isee inferiore o uguale a 5000 euro calcolato in base alla nuova normativa. Una volta ricevute le istanze, sarà redatta una graduatoria in base al reddito e i sussidi saranno erogati in base alla frequenza dell’alunno: alla Materna scalando progressivamente le fatture per il servizio fruito, alla Primaria ricaricando l’importo nel conto elettronico per i pasti consumati”.