Lunedý 23 Novembre17:15:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Picnic in piazza Cavour per parlare di futuro post pandemia, ma scattano le proteste

L'appuntamento delle 19 è stato criticato da tre coordinamenti locali "Non siamo sotto una repressione sanitaria"

Attualità Rimini | 12:19 - 12 Novembre 2020 Picnic in piazza Cavour per parlare di futuro post pandemia, ma scattano le proteste

Questa sera dalle 19 alle 21 in piazza Cavour a Rimini è atteso il "Picnic" di Mio, il neonato Movimento imprese ospitalità dell'Emilia-Romagna rappresentato territorialmente dall'imprenditore Lucio Paesani per discutere di ristori economici, futuro dopo il coronavirus e "protesta pacifica alla disobbedienza civile". All'incontro interverranno anche Paolo Bianchini di Mio Italia e Paolo Gabriele di Mio Rimini.

Sui social l'appuntamento è stato pubblicizzato con toni talvolta concilianti, talvolta più perentori, parlando di «morte economica» e «inadempienze del Governo» nella gestione dell'emergenza in corso.

Rispetto all'iniziativa molti hanno espresso la propria posizione, anche contraria: più di recente è arrivata l'obiezione del Manifesto contro l'odio e l'ignoranza, "Libertà e giustizia" di Rimini e il coordinamento Democrazia costituzionale che denunciano un taglio della manifestazione a rischio recriminazione, ovvero «l'asserita repressione sanitaria che il Governo starebbe attuando in questi giorni. Pensiamo che il Governo non sogni una dittatura sanitaria né auspichi una riduzione illimitata delle libertà di chi vive sul territorio nazionale. Riteniamo che questa manifestazione del pensiero mal si concili con un momento come quello attuale dove gli ospedali si stanno nuovamente riempiendo e dove i contagi e le morti aumentano giornalmente. Riteniamo che le misure adottate dal Governo e dalle Regioni siano volte a garantire al meglio la salute di tutti e non a pregiudicarla, sebbene con gravi conseguenze economiche per molte categorie. È però questo il momento di agire e restare uniti, di dialogare costruttivamente per il bene comune al fine di superare questa nuova grande crisi».