Venerd́ 27 Novembre00:23:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Marino: al lavoro per facilitare naturalizzazioni 

'Serve cambiamento culturale, il governo intende intervenire' 

Attualità Repubblica San Marino | 14:53 - 11 Novembre 2020 Palazzo Pubblico della Repubblica di San Marino Palazzo Pubblico della Repubblica di San Marino.

I cittadini stranieri residenti nella repubblica di San Marino hanno di recente ottenuto il diritto al voto alle elezioni amministrative e il primo appuntamento elettorale in cui saranno coinvolti sarà il 29 novembre. Un "cambiamento epocale" è stato definito nell'aula del Consiglio Grande e Generale come riportato dal segretario di Stato per gli Affari interni, Elena Tonnini. Ora gli stranieri a partire da quelli italiani, che sono cinquemila su una popolazione complessiva di 33 mila abitanti, chiedono un passo ulteriore, quello riguardante le naturalizzazioni. Attualmente uno straniero può ottenere la cittadinanza sammarinese dopo 15 anni di residenza, ma se la vuole deve rinunciare a quella di origine. Il governo intende intervenire anche su questo fronte. "C'è la volontà di intervenire - risponde Tonnini - è chiaro che anche qui serve un percorso di approfondimento con la maggioranza, il Comites e il resto del Paese". Per il segretario su questo fronte serve lo stesso "percorso culturale" che ha portato all'estensione del diritto al voto agli stranieri. "Credo che sia uno dei temi ulteriori ed urgenti su cui intervenire e abbiamo già iniziato ad affrontarlo", ha aggiunto Tonnini.