Lunedì 23 Novembre23:33:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccionesi in condizioni di difficoltà, 44 famiglie si rivolgono all’Emporio solidale

Il "supermarket" sociale compie il primo anno di attività

Attualità Riccione | 15:41 - 04 Novembre 2020 Emporio solidale (foto di repertorio) Emporio solidale (foto di repertorio).


Il 26 ottobre 2020 l'emporio solidale di Riccione, progetto promosso dal comune di RIccione e dalla Consulta della Solidarietà, ha festeggiato un anno di attività. Nei primi dodici mesi sono stati accolti, sulla base dei requisiti socio-economici di accesso previsti dalle apposite linee guida, 44 nuclei familiari che hanno potuto fare la spesa gratuitamente. «Lo abbiamo fortemente voluto un anno fa - ha detto il sindaco Renata Tosi - mettendo in rete le associazioni di categoria, creando quella sinergia virtuosa tra mondo del volontariato e istituzione pubblica, necessaria per essere concretamente vicini alla comunità e ai cittadini». L'amministrazione comunale ringrazia i volontari e la consulta delle associazioni per il lavoro svolto, ancor più in questo periodo di crisi economica e sociale conseguente all'emergenza Covid-19. Il presidente dell'emporio solidale Luigi Casadei rimarca l'obiettivo di incrementare il numero di accessi, «per dare maggiore risposte alle tante famiglie in difficoltà e fronteggiare il disagio economico causato dalla mancanza di lavoro e dalla crisi economica, aggravata ulteriormente dall’epidemia del Covid 19». Un ringraziamento, da parte del presidente Casadei e dell'amministrazione comunale, anche ai tanti donatori privati che hanno contribuito in questo primo anno di attività dell'emporio solidale.