Marted́ 24 Novembre08:09:43
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: morto don Giorgio, parroco di Riccione

Era ricoverato da diverse settimane a Rimini. Il dolore della comunità riccionese

Attualità Riccione | 19:25 - 31 Ottobre 2020 Don Giorgio Don Giorgio.


È morto oggi pomeriggio (sabato 31 ottobre) all'età di 78 anni don Giorgio, il parroco dei Santi Angeli Custodi di Riccione. Il sacerdote era ricoverato da diverse settimane all'ospedale Infermi, dopo aver contratto l'infezione da nuovo coronavirus. Purtroppo, le sue condizioni sono andate sempre più peggiorando, fino al decesso. Don Giorgio era nato a San Savino il 15 maggio del 1942 ed era arrivato a Riccione nel 1967, anno in cui è stato ordinato sacerdote. Il suo padre spirituale era stato don Oreste Benzi. La notizia ha gettato nello sconforto la comunità riccionese, che si era unita in preghiera nelle ultime ore, a seguito delle poco rassicuranti notizie uscite sulle sue condizioni di salute. La redazione di altarimini.it si unisce al cordoglio per la scomparsa di don Giorgio.

Messaggio di cordoglio del sindaco di Riccione, Renata Tosi "Don Giorgio ci ha lasciato. Un annuncio doloroso per Riccione che è stata per oltre cinquant'anni la sua amata comunità. In questo momento di grande dolore e di profonda tristezza, vorrei esprimere a tutti i concittadini, il profondo cordoglio dell'amministrazione, degli assessori, dei consiglieri e del Comune Riccione in tutta la sua interezza, per la perdita di un grande Don. Oggi abbiamo perso tutti quel padre che ha amato e curato lo spirito dei figli con profondità e dedizione indimenticabili. Don Giorgio noi non ti dimenticheremo mai, Riccione saprà onorati con affetto. Lo stesso affetto che ho visto nei tuoi occhi quanto parlavi con i ragazzi della parrocchia dei SS. Angeli Custodi. Vi ho visti uniti e sorridenti, durante la vostra trasferta in montagna quest'estate. Felici di essere insieme e di condividere. Tu, caro don Giorgio, sapevi essere ragazzo tra i ragazzi. Tu sapevi arrivare ai cuori dei più giovani così come ai nostri. Del tuo esempio e del tuo affetto, ti ringraziamo. Sarai sempre con noi. Sarai con la tua amata Riccione. Ciao Don".