Domenica 29 Novembre03:12:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cinema chiusi: al Tiberio tornano le proiezioni nella sala virtuale

Il primo titolo in programma è il film "Cosa sarà"

Eventi Rimini | 12:24 - 31 Ottobre 2020 Una scena del film Cosa sarà Una scena del film Cosa sarà.


Con la chiusura delle sale cinematografiche sancita dal recente DPCM, ritorna al Cinema Tiberio #iorestoinsala, il circuito di cinema di qualità da godersi in una Sala Virtuale, creato da oltre 40 cinema indipendenti italiani. Il Tiberio non si ferma e continua a proporre titoli d'interesse, per un progetto volto a sostenere – legalmente e con il massimo della sicurezza – l'opera d'arte e la filiera cinematografica, dall'autore, alla distribuzione sino al piccolo cinema di quartiere (come il Cinema Tiberio), riconoscendo in quest'ultimo l'autonomia della programmazione nonché parte dell'incasso.
Semplificato il sistema di accesso alla piattaforma: per accedere alle proiezioni, occorre registrarsi ed acquistare il biglietto su LiveTicket, scegliendo il film, il giorno e l' ora di proiezione.

Completato l'acquisto su LiveTicket lo spettatore riceverà due mail, una relativa alla fattura d'acquisto e la seconda con il link per accedere alla Sala Virtuale.

Dopo l'acquisto del biglietto ci sono 30 giorni di tempo per effettuare il primo collegamento, successivamente il film sarà disponibile per la visione entro 48 ore dal primo collegamento, con la possibilità di interrompere la visione e riprenderla entro il termine stabilito, o rivedere il film. Il costo del singolo biglietto è di € 7,90 per i film in prima visione e di € 3,00 per i film in catalogo disponibili. Il primo acquisto on line da diritto ad un biglietto omaggio per il Cinema Tiberio da utilizzare alla riapertura della sala.

I TITOLI I primi due titoli in programma sono il nuovo film di Francesco Bruni (già regista di "Scialla!" e "Noi 4" ed autore di numerose sceneggiature per Paolo Virzì e Mimmo Calopresti) Cosa sarà (in programma fino al 14 novembre) con Kim Rossi Stuart, Lorenza Indovina e Barbara Ronchi, la storia di un regista separatosi controvoglia dalla moglie e costretto ad affrontare la prova di una malattia dal nome estremamente complicato e il documentario Unfit – la psicologia di Donald Trump di  Dan Partland (fino al 5 novembre) che ha interpellato diversi psichiatri, psicologi, storici e comunicatori politici per individuare e contestualizzare i motivi che rendono il quarantacinquesimo presidente americano inadatto ("unfit") al proprio ruolo istituzionale.