Luned́ 30 Novembre09:22:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Da Rimini l'appello di Lanzetti ai ristoratori: "Facciamo propagare il virus dell'unione"

La proposta del titolare del Bounty: "Un video selfie per dare sfogo alla vostra frustrazione. Chiusura alle 18 inaccettabile"

Attualità Rimini | 07:44 - 29 Ottobre 2020 Giuliano Lanzetti, fondatore di Rinascita Pubblici Esercizi Giuliano Lanzetti, fondatore di Rinascita Pubblici Esercizi.

Sono già tantissimi i ristoratori che hanno aderito alla nuova iniziativa "Rinascita Pubblici Esercizi" lanciata da Giuliano Lanzetti del Bounty di Rimini a difesa della categoria nel corso del lockdown di marzo per raccontare la situazione di difficoltà legata alla chiusura forzata delle aziende della ristorazione e dell'accoglienza. «Abbiamo ottenuto la possibilità di occupare spazi all’aperto senza l’onere del canone di occupazione, il bonus vcanze e parte di altri aiuti economici che avevamo richiesto», sottolinea Lanzetti in un video. «Oggi ci troviamo nelle stesse condizioni, se non peggiori, ed è per questo che dobbiamo far sentire nuovamente il nostro dissenso nei confronti del nuovo decreto e l’operato di questo governo». La proposta dell'imprenditore è semplice: girare un video-selfie di un minuto al massimo che possa dare sfogo alle difficoltà del momento, con l'hashtag #RinascitaPubbliciEsercizi e #nomedellocale (es. #Bounty). L'obiettivo finale è quello di raccogliere il maggior numero di adesioni per proporre con la maggior forza ed efficacia possibile il documento che Rpe sta preparando assieme ad esperti per una maggior tutela della categoria.