Venerdė 04 Dicembre23:58:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il sindaco di Rimini lancia proposte per la futura ripartenza. Ecco la sintesi delle misure

Fari puntati sul sostegno alle attività economiche della città

Attualità Rimini | 17:19 - 28 Ottobre 2020 Il sindaco Gnassi Il sindaco Gnassi.

Si chiama Progetto Rimini il pacchetto di misure che il sindaco Andrea Gnassi e la sua amministrazione comunale intendono varare, di concerto con le associazioni di categoria, "per dare una prospettiva alle attività dopo l'emergenza", spiega il primo cittadino, impegnato in videoconferenza con gli assessori Sadegholvaad e Brasini e i rappresentanti delle principali associazioni di categoria. "Un pacchetto di misure che vada ad affiancare le misure del Governo attraverso il decreto ristoro e il contributo straordinario della Regione, che annunciato fondi per 10 milioni per le attività più penalizzate dalle ultime chiusure", precisa Gnassi.

In primis è previsto il prolungamento per tutto il 2021 del progetto Rimini Open Space, che nella prima fase ha coinvolto 400 attività: la possibilità di estendere la propria attività negli spazi pubblici. Per i pubblici esercizi l'amministrazione comunale sta valutando l'esenzione della Cosap dal 1 gennaio 2021 al 30 giugno 2021. Sul fronte Tari è in cantiere un contributo straordinario per ristorare la tassa rifiuti pagata per l'ultimo bimestre del 2020.

"Un’ulteriore proposta riguarda le prossime festività natalizie, che inevitabilmente dovrà tener conto dell’evoluzione sanitaria: se le condizioni lo permetteranno, l’intenzione è di favorire la fruibilità dei parcheggi dell’anello del centro storico, valutando l’introduzione di gratuità (ad esempio per la prima ora di sosta), per tutto il mese di dicembre e anche a gennaio", evidenzia Gnassi.

Tra le misure al vaglio anche la possibilità di riproporre e integrare la "no tax-area", che tra i vari interventi consente il rimborso dell’Imu per i proprietari di immobili che rinegoziano l’affitto e contributi alle start up d’impresa.

Oggi siamo chiamati tutti a stringere i denti – conclude il sindaco Gnassi – per poter essere liberi domani di ricominciare a correre. Le proposte del Comune vanno in questa direzione: vogliamo e dobbiamo farci trovare pronti”.