Marted́ 01 Dicembre21:20:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo: ampliamento attività in spazi esterni, proroga al 31 dicembre

Prolungata anche la validità del piano di pedonalizzazione del centro

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:45 - 28 Ottobre 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

La giunta comunale di Santarcangelo ha prorogato al 31 dicembre la possibilità per gli esercizi pubblici di usufruire gratuitamente di maggiori spazi esterni. Avviate nel mese di maggio con l’inizio della “Fase 2” dell’emergenza sanitaria, le misure a sostegno delle attività saranno dunque prolungate fino a fine 2020: chi usufruisce già di questa possibilità dovrà semplicemente comunicare la proroga, chi non ha ancora ampliato i propri spazi esterni potrà invece presentare una nuova domanda.

Restano invariate le casistiche degli ampliamenti: da quelli fino al 50% in più della somma tra spazio esterno e superficie interna per le attività che già utilizzano un’occupazione di suolo pubblico già autorizzata, fino al massimo del 100% di superficie o di 80 metri quadrati per chi non disponeva di autorizzazioni. Oltre che per ristoranti e bar, la possibilità di usufruire degli spazi esterni è confermata anche per i negozi e gli artigiani.

«La proroga di queste disposizioni permette a ristoranti e pubblici esercizi di mantenere un’organizzazione in grado di rispettare le distanze di sicurezza e le prescrizioni igienico-sanitarie afferma l’assessore alle attività economiche Angela Garattoni – e assume un valore ulteriore proprio alla luce dell’ultimo DPCM del Governo che dispone nuove restrizioni particolarmente pesanti per alcuni comparti economici, tra cui ristoranti, bar e altri pubblici esercizi. A fronte di una drastica riduzione degli orari di apertura, attraverso l’utilizzo degli spazi pubblici della città permettiamo almeno alle attività di mantenere pressoché invariati i numeri di tavoli nelle fasce orarie in cui è consentita loro l’apertura».

«Consapevoli del periodo di grande difficoltà e degli importanti sacrifici che sono stati imposti a numerose categorie economiche, fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria ci siamo messi al lavoro per impostare misure di sostegno puntuali e tempestive. Oltre a poter usufruire degli spazi pubblici – conclude Garattoni – sono stati disposti la sospensione del pagamento della Cosap, sgravi sulla tassa rifiuti e, proprio la scorsa settimana, abbiamo aperto il bando a beneficio delle attività economiche e professionali per contenere gli effetti negativi causati dalla diffusione del Covid-19 stanziando un fondo speciale di 200mila euro». 

Strettamente legata alle disposizioni sull’utilizzo degli spazi pubblici, la giunta comunale ha anche prorogato al 31 dicembre parte dei provvedimenti riguardanti la viabilità e la sosta, apportando alcune modifiche al piano approvato lo scorso mese di giugno. A partire dal 1° novembre e fino alla fine dell’anno restano dunque confermati il divieto di transito nel tratto di vicolo Denzi tra le vie Volturno e Don Minzoni e gli stalli aggiuntivi riservati ai residenti nelle vie De Bosis, Ruggeri e nel parcheggio Cappuccini. In via De Bosis è confermato anche il parcheggio per le attività di carico e scarico mentre non viene confermata l’eliminazione di quattro stalli di sosta che torneranno quindi a disposizione dei veicoli. È prorogata al 31 dicembre l’eliminazione di quattro posti auto in piazza Marini. La Giunta comunale ha infine previsto la decadenza del divieto di transito nelle vie Matteotti, Molari e Battisti e di tutte le modifiche che interessavano le vie Silvio Sancisi, Piave, Togliatti, IX Febbraio e XXIV maggio.

«L’andamento dell’emergenza sanitaria rende ancora oggi centrale il tema dello spazio pubblico – commenta il vicesindaco Pamela Fussiche nel corso di questi mesi ha assunto un ruolo fondamentale, sia per le attività economiche che per la socialità dei cittadini. Da questo punto di partenza abbiamo dato avvio a una sperimentazione nel periodo estivo, che ha comportato numerose modifiche alla viabilità e alla sosta nelle vie e piazze del centro storico, al fine di consentire una migliore fruizione dello spazio pubblico da parte dei cittadini e dei pubblici esercizi. Una sperimentazione che in larga parte ha consentito un netto miglioramento della qualità della vita, del lavoro e della sicurezza sanitaria: per questa ragione abbiamo deciso di prolungare la validità del piano, adeguandolo e modificandolo anche in base alle indicazioni e ai suggerimenti arrivati direttamente dai cittadini sia in maniera informale, sia nell’ambito del percorso partecipato di ‘Santarcangelo al Centro».