Luned́ 30 Novembre08:47:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Proteste contro il nuovo decreto, la condanna del segretario Pd Rimini: "Restiamo uniti e coesi"

Filippo Sacchetti contro le proteste disordinate e violente a favore delle manifestazioni civili

Attualità Rimini | 11:45 - 28 Ottobre 2020 Il segretario del Pd provinciale di Rimini Filippo Sacchetti (foto da Facebook) Il segretario del Pd provinciale di Rimini Filippo Sacchetti (foto da Facebook).


«È il momento della coesione, dell'unità d'intenti: non facciamoci infettare dal virus della strumentalizzazione e del populismo con la caccia al consenso facile, cerchiamo piuttosto di dare risposte certe e e facili a chi esprime preoccupazione e manifesta in modo legittimo e non violento». Sono perentorie le parole del segretario del Pd provinciale Filippo Sacchetti dopo l'inasprirsi degli scontri tra sovversivi e polizia in alcune delle maggiori città d'Italia (Roma, Milano, Torino tanto per citarne alcune) contro le misure anti-contagio acuite con l'emanazione dell'ultimo decreto. «Questa fase deve servirci per ridare efficienza, equità e giustizia al nostro sistema paese. È il momento in cui essere davvero comunità. Le chiusure stabilite dal Dpcm rischiano di far passare il messaggio che a pagare siano sempre i soggetti più fragili: gli esercizi pubblici o l’impresa creativa o sportiva spesso gestita dai più giovani, fascia sociale già più esposta alla precarietà di oggi e a quella di domani. Ed è anche la pesantezza della macchina burocratica – in difficoltà a riorganizzare il trasporto, la didattica o a raddoppiare i controlli – a farlo passare. Il nostro impegno in questi giorni, nelle amministrazioni e nei rapporti col governo, andrà quindi proprio in questa direzione: faremo il possibile perché questa fase si trasformi nell’occasione di avere un Paese più efficiente e più giusto. Ascoltando i bisogni e le preoccupazioni per dare risposte concrete con unità e determinazione e senza lasciare indietro nessuno».