Mercoledý 02 Dicembre07:05:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Marino: sospesa fino al 3 novembre l'attività di base di calcio giovanile

Il responsabile Giaquinto: "Massima precisione nel rispetto delle norme anti contagio"

Sport Repubblica San Marino | 17:55 - 23 Ottobre 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Visti i recenti riscontri di positività al Covid-19 in seno alla comunità sammarinese, non ultimi nelle fasce di età giovanissime, la Federcalcio di San Marino comunica la sospensione dell’intera attività del settore giovanile di base e relativa alle competizioni organizzate sul territorio nazionale. Da oggi e fino al prossimo 3 novembre almeno, stop a raduni, allenamenti e partite di Under 8, Under 10 ed Under 12. La situazione verrà monitorata quotidianamente ed ogni eventuale aggiornamento – in un senso o nell’altro – sarà comunicato a tempo debito. “La nostra intenzione – fa sapere il Consiglio Federale – non è solo quella di non essere d’intralcio al lavoro di capitale importanza portato avanti dalle autorità sanitaria, ma – anche in seguito ad un confronto con il Dipartimento Prevenzione –di collaborare fattivamente e per quanto ci compete affinché si possa definire al meglio il perimetro della situazione contingente. Fino a quando la stessa non verrà circoscritta e comunque almeno fino alla prima settimana di novembre, l’attività facente riferimento al settore giovanile di base è da considerarsi dunque sospesa in ogni forma”.

Una decisione che non è stata presa in quanto il protocollo anti-contagio sinora adottato anche a livello di calcio giovanile non sia più sufficiente, piuttosto per andare incontro in maniera preventiva ad un’esigenza della comunità. Anzi, come sottolinea il Vice Presidente e Responsabile del Settore Giovanile Alessandro Giaquinto, “il rispetto e l’applicazione delle norme anti-contagio è sempre stato portato avanti con la massima precisione e solerzia dai poli calcistici sammarinesi, che – nessuno escluso – ormai da quasi due mesi è alle prese con autocertificazioni bisettimanali, rilevamento della temperatura corporea dei ragazzi, rispetto del distanziamento sociale e dell’obbligo di indossare i dispositivi di sicurezza personale, così come con la sanificazione degli attrezzi tecnici con i quali i giovani calciatori di San Marino interagiscono quasi quotidianamente”.