Mercoledý 25 Novembre11:40:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo senza la sua fiera storica. Il sindaco ai cittadini: 'fermiamo la seconda ondata covid'

Le parole del primo cittadino Parma, che invita a non rendere vani i sacrifici

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:18 - 21 Ottobre 2020 Alice Parma (sindaco di Santarcangelo) Alice Parma (sindaco di Santarcangelo).


A Santarcangelo quest'anno non si terrà la storica fiera di San Martino, un evento che il sindaco Alice Parma definisce un po' sagra, un po' festa e rito collettivo. Lo fa in una lettera aperta nella quale rimarca il sacrificio non da poco della cittadinanza, benché esistano in questo momento «sacrifici più importanti e rinunce più dolorose»; sacrificio di tipo economico in primis, a causa della perdita di incassi e di occasioni di lavoro. Ma non solo: «ci mancheranno quei profumi dell’autunno che invadono le strade della Fiera: dal vino nuovo alle caldarroste, dalla piadina mangiata per strada alle tradizionali osterie romagnole». Prosegue il sindaco Parma: «ci mancheranno i cantastorie e i loro racconti, come ci mancheranno le prelibatezze e prodotti tipici di altre Regioni, perché la Fiera di San Martino ha da sempre celebrato l’incontro fra le genti, lo scambio di prodotti e merci». Il primo cittadino clementino invita così la cittadinanza a far sì che tutti i sacrifici non siano vani, rispettando le regole fondamentali per limitare l'epidemia da nuovo coronavirus: l'uso della mascherina, il distanziamento sociale, il lavaggio frequente delle mani, e ovviamente il rigoroso rispetto delle limitazioni previste. Altrimenti, nel caso in cui i contagi non si arrestassero, scatterebbero altre limitazioni: «Se da un lato tutti noi possiamo fare molto per fermare questa seconda ondata, dall’altro non vogliamo comunque perdere l’occasione perché ciascuno a modo suo – nel rispetto delle prescrizioni per ridurre la diffusione del Covid-19 – possa trascorrere un sereno San Martino, rinnovando almeno in parte la tradizione con una piadina salsiccia e cipolla nei locali di Santarcangelo», chiosa il sindaco Parma.