Sabato 28 Novembre05:37:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Manifestazione del 24 ottobre in piazza Cavour, gli organizzatori: "Ci saremo nel rispetto del Dpcm"

Sindaco ed esponenti speravano nel rinvio. La Prefettura: "Scioglieremo se non saranno rispettate le regole anti Covid"

Attualità Rimini | 08:07 - 21 Ottobre 2020 Le sardine in piazza Cavour a Rimini il 24 novembre Le sardine in piazza Cavour a Rimini il 24 novembre.


Avevano annunciato tra scalpore e polemiche l'organizzazione di una grossa manifestazione in piazza Cavour a Rimini per sabato 24 ottobre alle 14.30, con ben 15 relatori attesi sul palco, allo slogan di "Riprendiamoci la costituzione". Sono No Vax, No 5G, comitati spontanei e associazioni che rivendicano la libera manifestazione del pensiero al di sopra di ogni evidenza, perché anche le verità più conclamate e meglio dimostrate hanno sempre almeno una tesi contraria, con tanto detrattori al seguito.

Ecco allora che sabato quella stessa manifestazione che molti hanno sperato venisse se non cancellata quantomeno rinviata, come il sindaco Gnassi o il deputato Di Maio, è confermata «senza se e senza ma», nonostante i«l proseguo degli attacchi faziosi e strumentali dei soliti piddini anti-democratici, in primis il signor Gnassi, i quali si riempiono la bocca di salute e sicurezza autorizzando poi nei fatti notti rose affollate, eventi pseudo-culturali e assembramenti ciclistici vari, dimostrando dunque di utilizzare il loro potere politico non certo per evitare la diffusione di eventuali nuovi focolai, bensì per cercare di impedire la libera espressione di parola e di manifestazione e riducendo così a carta straccia la Costituzione sulla quale dovrebbero aver giurato fedeltà. Abbiamo già chiarito la piena volontà di rispettare tutte le normative vigenti, dichiarando come “Romagna per la Costituzione” che faremo tutto il possibile affinchè la manifestazione si svolga in piena sicurezza. Non siamo interessati a sterili polemiche (mascherina sì, mascherina no), non ci consideriamo negazionisti né complottisti. Siamo semplicemente cittadini liberi e pensanti che si interrogano senza pregiudizi su ciò che sta accadendo nel nostro territorio e nel nostro paese in tempo di emergenza covid, per quanto riguarda la sanità, il lavoro, la scuola, l’economia, la società. In particolare ci chiediamo quali saranno gli effetti di certe normative e dpcm sul presente e soprattutto sul futuro nostro e dei nostri figli in termini psicologici, antropologici e culturali. Preferiamo le domande alle indiscutibili certezze».

Dall'ultimo comitato per la sicurezza pubblica la prefettura di martedì pomeriggio la Prefettura fa sapere che qualora non vengano rispettate tutte le normative anti Covid, aggiornate con gli ultimi decreti, la manifestazione sarà sciolta seduta stante.