Lunedì 30 Novembre08:37:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Morciano di Romagna scatta la Ztl in centro storico

L'attivazione avverrà nel giro di qualche mese

Attualità Morciano di Romagna | 12:39 - 20 Ottobre 2020 Ztl a Rimini Ztl a Rimini.


La giunta comunale di Morciano di Romagna fa scattare il semaforo verde per l'istituzione di una ZTL nel centro storico. Entro i prossimi 3-4 mesi l'amministrazione comunale provvederà all'attivazione della zona a traffico limitato nell'area compresa tra le piazze Garibaldi, Umberto I e Giovanni Paolo II e le vie Aia Pasini, Ponte, Ronci, Poggio, Foro Boario. I varchi d'accesso saranno posizionati in corrispondenza delle vie Ponte ed Aia Pasini: un impianto semaforico dotato di rilevamento elettronico delle targhe consentirà l'accesso esclusivamente ai residenti le cui vetture saranno inserite nelle banche dati del Comune. L'obiettivo del progetto è duplice. Da un lato, infatti, si mira a ridurre sensibilmente il volume di traffico che gravita attorno al centro storico di Morciano (il quale, è bene ricordarlo, sorge sopra un sistema di grotte sotterranee), che ogni giorno viene percorso da decine e decine di auto, con conseguenti deterioramento della pavimentazione e problemi di sicurezza che vanno ad aggiungersi a fenomeni di sosta selvaggia. Dall'altra lato l'amministrazione comunale mira a migliorare la vivibilità del centro storico, trasformandolo in una zona pedonale in cui sia piacevole concedersi una passeggiata o adatta ad ospitare piccoli eventi e manifestazioni, a beneficio anche delle attività economiche (dai negozi fino a bar e ristoranti), che potranno giovarsi della nuova disposizione.  L'amministrazione comunale è infatti convinta che il centro storico possa rappresentare uno dei motori per il rilancio economico di Morciano una volta superata la fase di criticità riguardante il Covid-19. A tal proposito sono state già stanziate delle somme per interventi di riqualificazione di strade, piazze, marciapiedi e arredi urbani. A ciò si aggiunge una proposta per favorire l'apertura di nuove attività, con la riduzione delle tasse locali a chi vorrà insediare piccoli negozi nel centro storico.