Luned́ 30 Novembre09:16:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mese della prevenzione del tumore al seno: a Rimini visite gratuite con la Lilt per donne a rischio

L'iniziativa nel mese del nastro rosa per la prevenzione e la lotta contro una patologia che sta aumentando tra le giovani

Attualità Rimini | 08:19 - 21 Ottobre 2020 Mese della prevenzione del tumore al seno: a Rimini visite gratuite con la Lilt per donne a rischio


È partita con il mese di ottobre la campagna del "Nastro Rosa", una forma di sensibilizzazione nazionale sul tumore al seno che si ripete da 28 edizioni, alla quale contribuisce attivamente la Lilt con le sue sezioni sparse in tutta Italia. Anche perché negli ultimi anni a Rimini vengono diagnosticati più di 450 casi di tumori della mammella, grazie anche alle oltre 20 mila ecografie, mille biopsie ecoguidate e 700 agoaspirati.

Guardando poi a numeri e statistiche nazionali, una donna ogni otto rischia di ottenere una diagnosi di tumore al seno nel corso della sua vita, che resta ancora la principale morte per cause oncologiche nelle donne, nonostante la mortalità stia diminuendo anche in virtù della prevenzione spinta anche dalle campagne del volontariato nazionale e regionale, che impegnano l'Emilia-Romagna da oltre 20 anni. In provincia di Rimini ci sono 72mila 500 donne tra i 45 e i 74 anni che periodicamente sono chiamate a svolgere gratuitamente le mammografie di screening  e la sopravvivenza a cinque anni delle donne colpite da questa patologia in Romagna è del 90 per cento.

Negli ultimi 5 anni il cancro al seno è aumentato del 15 per cento, in particolare nelle giovani donne (35-50 anni), per le quali l'incremento è stimato al 30 per cento. Pe questo la sezione Lilt di Rimini offre a 70 donne che non abbiano usufruito di questo servizio nel 2019 ma che rientrino nelle fasce di età non protetta dallo screening regionale (dai 30 ai 44 anni e sopra i 75 anni) e residenti nella Provincia, la possibilità di effettuare una visita senologica gratuita. La visita sarà effettuata al centro mammografico Sant’Agata al poliambulatorio “Valturio” a Rimini,utilizzando le tecnologie diagnostiche più avanzate. La prenotazione si effettua telefonando allo 0541 56492 oppure inviando una mail a liltrimini@gmail.com scrivendo dati anagrafici ed un numero di telefono per essere ricontattati.

Rispetto agli anni precedenti, la Lilt Rimini non sarà nelle piazze a fare campagna con banchetti e volantini, ma quantomeno è riuscita a far risprendere di rosa alcuni dei moumenti della provincia, quali castel Sismondo e il Campanone di Verucchio, o la rotonda in piazza a Bellaria, per cercare di sensibilizzare in altro modo i cittadini.