Lunedý 26 Ottobre16:10:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Novafeltria celebra il passaggio del Giro d'Italia con striscioni e animazione di Radio Bruno

Sindaco: "Le sensazioni sono positive, c'è un grande fermento in paese"

Attualità Novafeltria | 09:07 - 15 Ottobre 2020 Corso Mazzini di Novafeltria Corso Mazzini di Novafeltria.

Dopo 21 anni, il Giro d'Italia torna a Novafeltria. Dopo la San Sepolcro-Cesenatico del 1999, oggi (giovedì 15 ottobre) la Carovana "rosa" torna ad attraversare il comune riminese nella tappa, con partenza e arrivo da Cesenatico, che ripercorre lo storico tracciato della Nove Colli, una delle granfondo più importanti a livello internazionale. Intorno alle 15 di giovedì 15 ottobre i ciclisti transiteranno lungo la via Garibaldi per poi accedere al centro storico, dove sarà allestito il traguardo volante. In piazza Vittorio Emanuele, tra bandiere e striscioni, lo stand di Radio Bruno, che curerà l'intrattenimento musicale. Per i bambini e le famiglie intenzionate ad attendere il passaggio del giro sono disponibili bandierine e gadget, ma ovviamente varranno i rigorosi divieti di assembramenti, l'obbligo di rispettare il distanziamento e l'uso delle mascherine. Le scuole chiuderanno alle undici per permettere il trasporto e il ritorno a casa degli studenti in assoluta sicurezza.

SINDACO ZANCHINI: "GRANDE FERMENTO" Soddisfatto il sindaco di Novafeltria, Stefano Zanchini: «vorrei per prima cosa fare un ringraziamento agli sponsor che ci hanno permesso di addobbare il centro storico, sia a Perticara che a Novafeltria. Le sensazioni sono positive, c'è un grande fermento in paese». Dopo 21 anni il Giro d'Italia torna a Novafeltria: «E' stato un passaggio fortemente voluto dalla nostra amministrazione comunale - spiega Zanchini - e per questo ringrazio l'assessore Fabio Pandolfi, peraltro grande appassionato di ciclismo, che due anni fa ha lavorato per una modifica del tracciato della Nove Colli». La storica granfondo infatti da due anni prevede il passaggio nel centro storico di Novafeltria: «L'assessore Pandolfi è stato lungimirante, ipotizzando che nel 50esimo anniversario della Nove Colli, il Giro d'Italia avrebbe omaggiato la granfondo utilizzando lo stesso percorso per una delle sue tappe».