Marted́ 27 Ottobre16:45:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Promozione del turismo lento: successo per il primo ecoraduno di San Marino

Protagoniste nella Repubblica auto elettriche e ibride

Attualità Repubblica San Marino | 10:45 - 12 Ottobre 2020 Ecoraduno a San Marino Ecoraduno a San Marino.

Ottima riuscita per il Primo Ecoraduno della Repubblica di San Marino svoltosi sabato scorso su sette dei nove castelli sammarinesi. Organizzato dal San Marino Green Festival è stato fortemente sostenuto da Giuseppe Ruggeri, concessionario riminese di Kia Motors Italia e da Federico Pedini Amati, attuale Segretario di Stato al Turismo sammarinese. Già con Il San Marino Green Festival la piccola Repubblica ha deciso di scommettere sulla protezione dell’ambiente, su un futuro a basso impatto e sulla sostenibilità. Certo, le sue dimensioni ridotte consentono azioni più rapide ed efficaci che a qualunque altro stato, ma qui sta il bello. Convinta di lanciare un messaggio estremamente importante, la Repubblica di San Marino sta promuovendo un turismo lento, fuori dagli itinerari canonici, che coinvolge anche i territori confinanti del Montefeltro.

LA GIORNATA Dopo le iscrizioni avviate dalle 14,30 la carovana ha preso il via dalla Piazza di Borgo Maggiore alle 17,10. Il tracciato, sapientemente pensato da Maurizio Boffa, ha toccato sette dei nove castelli e l’iniziale pioggerella ha solo aggiunto fascino al panorama del Monte Titano visto da Montegiardino e Faetano. La discesa da Torraccia ha regalato un monte illuminato da un tramonto dai mille colori, mentre il passaggio sotto il Sacello e la successiva discesa fino ai mulini di Canepa hanno mostrato il polmone verde della Repubblica. Infine emozionante ed esclusivo l’attraversamento del Pianello delle silenziosissime vetture elettriche fra lo stupore dei turisti, con la luce del tramonto che elargiva scorci da cartolina della costa romagnola e della Valmarecchia. La giornata si è conclusa in grande allegria e con un vivo scambio di opinioni tra i partecipanti nella calda atmosfera dell'Hotel Cesare, in cui lo chef Graziano Canarezza ha saputo egregiamente coccolare i suoi ospiti green provenienti dal circondario e non solo.