Luned́ 26 Ottobre20:04:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: governo verso lo stop totale alla feste. Si riduce la quarantena

Da oggi (lunedì 12 ottobre) dieci giorni invece che 14 e basta un tampone negativo per uscire da isolamento

Attualità Rimini | 07:51 - 12 Ottobre 2020 Il premier Conte Il premier Conte.

E' in arrivo nei prossimi giorni il nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il cui principale obiettivo sarà evitare gli assembramenti serali. Le indiscrezioni dei principali organi di stampa nazionali confermano lo stop alla sosta delle persone davanti a bar, ristoranti e pub nelle ore serali e notturne, nonché la limitazione dell'orario della vendita degli alcolici da asporto. Si potrà sostare all'esterno dei locali solo se ci sono spazi allestiti con tavoli. Sembra inoltre confermata la voce su un orario di chiusura alle 24 per i bar e ristoranti. Novità invece per feste, private e pubbliche: il Ministro della Salute Speranza sta spingendo per un divieto assoluto.

LA QUARANTENA Buone notizie arrivano però dalla riduzione della quarantena. Oggi dura 14 giorni e servono due tamponi negativi. Con una circolare del Ministero della Salute, attesa oggi (lunedì 12 ottobre), il tempo di quarantena sarà ridotto a dieci giorni sia per gli asintomatici che per i sintomatici. Ai primi sarà sufficiente un tampone negativo per uscire dall'isolamento; ai secondi tre giorni senza sintomi e un tampone negativo. Gli asintomatici positivi dopo 10 giorni dovranno rimanere in quarantena massimo per 21 giorni. Secondo gli scienziati infatti dopo tre settimane si perderebbe la contagiosità. 

L'ALLARME DI RICCIARDI Parla di arrivo di seconda ondata, più pericolosa della prima, Walter Ricciardi, membro del comitato esecutivo dell'Oms, consulente del Ministero della Salute, che quantifica nelle prossime settimane un aumento dei casi in Italia da 5000 a 16.000 casi al giorno. Ricciardi parla di pressione enorme con l'arrivo dell'inluenza, sottolineando il mancato rafforzamento degli screening tramite tampone. La riduzione da due a uno dei tamponi negativi per uscire dall'isolamento serve anche per rafforzare l'attività di screening.