Mercoledý 21 Ottobre16:09:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La cantante riminese Darma protagonista di una tappa di Crossroads

Si esibirà venerdì 16 ottobre al Cisim di Lido Adriano

Eventi Ravenna | 14:17 - 09 Ottobre 2020 Darma (foto Fabio Gervasoni) Darma (foto Fabio Gervasoni).

Un’altra location abituale del festival Ravenna Jazz ospiterà quest’anno anche concerti appartenenti al programma del festival itinerante Crossroads, organizzato da Jazz Network e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna: è il Cisim di Lido Adriano. Le tre serate previste nel locale della costa ravennate punteranno sui cantautori, in due casi con un doppio set. Il primo appuntamento, venerdì 16 ottobre alle ore 21:30, sarà dedicato al cantautorato femminile, con l’esibizione dei quintetti della vocalist Darma e, a seguire, della cantante e polistrumentista Eloisa Atti. In un interessante confronto di stili, le due cantanti saranno sostenute dalla stessa band, con Marco Bovi alle chitarre, Giacomo Toni al pianoforte, Francesco Giampaoli al basso elettrico e Diego Sapignoli alla batteria. Il concerto è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna e il Cisim di Lido Adriano – Associazione Culturale Il Lato Oscuro della Costa. Biglietti: prezzo unico euro 10 (tessera AICS obbligatoria euro 5).

Nata a Bologna e residente a Bellaria Igea Marina, Darma (al secolo Silvia Vasini) inizia a esibirsi come corista in un gruppo all’età di diciassette anni. Ma è solo dopo una lunga pausa di riflessione che riprende a scrivere e comporre. Le sue canzoni parlano di sentimenti, di persone incontrate, di rotture improvvise, di frammenti di vita realmente vissuti. I testi prediligono il senso di autenticità, muovendosi sul filo di una strisciante autoironia. Al Cisim, Darma presenterà in anteprima il disco Vertigine, in uscita in primavera per l’etichetta Brutture Moderne.

Voce tra le più rappresentative del jazz di stanza in Emilia, Eloisa Atti proviene da una formazione contemporaneamente classica e jazz che le ha dato la flessibilità anche per affrontare altri generi (in particolare la musica brasiliana). La Verne Jackson è stata la figura che più ha contribuito alla sua preparazione vocale, che si è comunque affinata anche grazie agli approfondimenti con Mark Murphy, Rachel Gould, Jay Clayton, Luciana Souza, Barbara Casini. Ha collaborato coi Sacri Cuori e Patrizia Laquidara, ma la partnership che più ha caratterizzato la sua carriera è quella con il chitarrista Marco Bovi, documentata su disco e soprattutto manifestatasi in una intensa attività concertistica. Tra le altre sue esperienze si distinguono quelle con gli Hammond Bandits (su un repertorio blues e country) e i Sur (musica d’autore). Nella scaletta del concerto si troveranno brani capaci di riassumere una carriera tanto variegata, passando dalle canzoni realizzate con i Sur a quelle degli album Penelope ed Edges.