Giovedì 29 Ottobre03:47:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cattolica, un protocollo a garanzia della legalità per i lavori del nuovo lungomare

Incontro tra Amministrazione Comunale e Sindacati per affrontare le criticità più significative

Attualità Cattolica | 18:37 - 08 Ottobre 2020 Incontro tra Amministrazione e sindacati Incontro tra Amministrazione e sindacati.

Il nuovo lungomare di Cattolica è stato al centro dell’incontro svoltosi tra l’Amministrazione Comunale ed i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. La riunione è stata propedeutica alla firma di un “protocollo legalità” che possa salvaguardare da forme di illegalità durante i prossimi passaggi amministrativi. Entro la fine dell’anno, infatti, è prevista la consegna del progetto definitivo dell’opera, l’acquisizione dei pareri da parte degli Enti coinvolti nei primi quattro mesi del 2021, la successiva gara d’appalto e l’avvio dei lavori alla fine della prossima stagione estiva.
 

 

A partecipare all’incontro con i sindacati, il Sindaco Mariano Gennari, il Dirigente ai Progetti Speciali Baldino Gaddi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Fausto Battistel. “Entro il prossimo mese – spiega il Sindaco Gennari – ci siamo impegnati a controfirmare un protocollo a garanzia della legalità. Il documento che si andrà a siglare conterrà misure per il contrasto alla criminalità negli appalti pubblici, prevedendo anche il monitoraggio di eventuali subappalti per sottrarre l’opera da possibili infiltrazioni. L’incontro odierno è stato proficuo e con i sindacati siamo da subito stati concordi sull’esigenza di preservare i lavoratori che saranno impiegati nel cantiere e di predisporre un bando che preveda il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Questa prima esperienza potrà ripetersi in futuro per i cantieri di grandi dimensioni che questa Amministrazione intende realizzare nel prossimo futuro”.

 

Dovranno essere assunte tutte le precauzioni possibili per evitare fenomeni di “dumping”, ovvero di concorrenza sleale, tra le imprese basate ad esempio sul ricorso all’utilizzo di lavoro nero o di altre forme di sfruttamento delle maestranze. “A differenza del massimo ribasso, attraverso l’offerta economicamente più vantaggiosa – aggiunge il Dirigente Gaddi – si avrà modo di premiare la qualità e la sicurezza. Nella valutazione delle offerte avremo un rapporto pari al 25% per l’offerta economica e del restante 75% per i fattori qualitativi. Nella fase esecutiva dei lavori sarà, invece, importante il ruolo di controllo e supervisione finalizzato alle verifiche antimafia, subappalti e presenza delle maestranze in cantiere”.

 

In una nota congiunta anche le Organizzazioni sindacali Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil hanno espresso soddisfazione per i risultati raggiunti nell’incontro. La firma del Protocollo è prevista per la metà di novembre 2020 e comunque prima dell’avvio della redazione del bando di gare e dell’avvio delle procedure di affidamento lavori.

 

Per l’intervento al waterfront cattolichino sono stati concessi 3,3 milioni di euro grazie al secondo posto provinciale nella graduatoria stilata dal bando della Regione. Per l'intera riqualificazione e rifunzionalizzazione turistico-balneare del lungomare Rasi-Spinelli è previsto un investimento che si aggira intorno ai 4,5 milioni di euro, con una compartecipazione del Comune pari al 25%, mentre il rimanente 75% è posto a carico della Regione.