Lunedý 26 Ottobre04:53:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio D, il Rimini all'esordio: domani sfida il Forlì. Si gioca al Romeo Neri a porte chiuse (ore 15)

La squadra di Mastronicola è rabberciata. Mercato: congelato l'arrivo del centrocampista

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 15:19 - 03 Ottobre 2020 Alessandro Mastronicola e Pietro Tamai Alessandro Mastronicola e Pietro Tamai.

di Stefano Ferri

Ritorna il derby col Forlì domani al Romeo Neri (ore 15), una partita particolare in quanto lo stadio sarà chiuso al pubblico. E’ l’esordio per entrambe le squadre che hanno saltato la prima di campionato rispettivamente contro il Real Forte Querceta (in trasferta) e il Seravezza (in casa): le due sfide saranno recuperate mercoledì prossimo.

Le due squadre arrivano in maniera differente alla sfida: il Rimini è del tutto nuovo al contrario del Forlì, ha meno giorni di preparazione nelle gambe rispetto ai Galletti il quali hanno affrontato più test pre campionato rispetto alla squadra di Mastronicola che inoltre si presenta all’appuntamento con quattro indisponibili (Casolla, Rivi, Lombardi e Lugnan). In porta giocherà Scotti, Vuthaj indietro di condizione dovrebbe accomodarsi in panchina. La scelta degli over sarà legata alla rotazione degli under. Azzardiamo la quaterna: Grumo (Ferrante) in difesa, Pari a centrocampo, Canalicchio su una delle due corsie esterne, Diop in attacco.

IL TECNICO MASTRONICOLA “Voglio vincere come vuole vincere Angelini – dice il mister del Rimini – anche se la mia squadra rispetto al Forlì è partita più in là, ha giocato meno amichevoli e la rosa l'abbiamo definita in corsa. Sarà il campo a dirci a che punto siamo e stavolta non possiamo contare sull'aiuto del pubblico per noi fondamentale. Abbiamo un buon margine di miglioramento”.

La rosa la soddisfa?

“Abbiamo allestito una rosa per giocare col modulo 3-5-2, formata da giovani che stanno crescendo ed esperti, tutti giocatori duttili, in grado di ricoprire più ruoli. Il giudice è però sempre il campo, da domani si faranno valutazioni migliori. Il leader in campo? Ho grande fiducia in Ricciardi, il vero leader anche se è un tipo silenzioso. Importanti per il ruolo che possono ricoprire nello spogliatoio sono i ragazzi riminesi: conoscono il valore di questa maglia”.

IL PUNTO DEL DS TAMAI L'annunciato rinforzo delle ultime settimane per il centrocampo non è detto che alla fine arrivi. “Quelli che avevamo seguito si sono accasati in Legapro. Diamo fiducia a questa rosa su cui contiamo molto e di cui siamo contenti, poi vedremo. Se ci sarà una occasione nelle prossime ore nel mondo pro non ce la lasceremo sfuggire, è aperto il mercato degli svincolati e quello d serei D chiude ad ottobre” confida Tamai un po' a sorpresa. Probabilmente si vorranno vedere le prime tre, quattro partite per fare valutazioni più approfondite.

Che ruolo può giocare il Rimini?

“Vogliamo stare in alto, lottare per il veertice. Sappiamo che ci sono avversarie aggerrite come Prato e Aglianese, club che hanno investito tanto, ma ce la giocheremo fino in fondo. Se ricordate in serie D l’Imolese aveva investito più di noi, ma nel calcio contanto tanti fattori. Troppo numerosa? Non possiamo farci trovare imprepreparati da defezioni di ogni genere, più avanti vedremo. Qualche ragazzo eventualmente può anche rinforzare la Juniores”.

I CONVOCATI Sono 24 i giocatori convocati da mister Mastronicola. Assenti Rivi, Casolla, Lombardi oltre all'infortunato Lugnan.

Portieri: Scotti, Viscardi.

Difensori: Ferrante, Ceccarelli, Gigli, Grumo, Manfroni, Nanni, Pupeschi, Ronchi, Valeriani. 

Centrocampisti: Canalicchio, Capicchioni, Massetti, Nigretti, Pari, Palazzi, Ricciardi, Santarini, Simoncelli.

Attaccanti: Ambrosini, Diop, Pecci, Vuthaj. 

PROBABILE FORMAZIONE (3-5-2): Scotti - Ferrante (Grumo), Gigli, Pupeschi (Ronchi) - Simoncelli, Massetti, Ricciardi, Pari, Canalicchio - Ambrosini, Diop. 

ASCOLTA L'AUDIO