Sabato 31 Ottobre17:24:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Discoteche chiuse, governo stanzia dai 50 ai 70 milioni di sussidi per il settore: 'Somme inadeguate"

E' la posizione del Silb Emilia Romagna. Ma la regione è pronta ad aggiungere un ulteriore sussidio

Attualità Rimini | 15:40 - 01 Ottobre 2020 Gianni Indino, presidente Silb Emilia Romagna Gianni Indino, presidente Silb Emilia Romagna.

Si è tenuto ieri (mercoledì 30 settembre) la riunione tra il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, i rappresentanti del SILB-Fipe e delle altre associazioni di categoria. Tema dell'incontro il ristoro alle aziende del settore intrattenimento per la perdurante sospensione dell’attività di pubblico spettacolo. «Il governo dunque, nella persona del ministro, ha riaperto le trattative e si è reso fattivamente disponibile ad accogliere le nostre legittime istanze», spiega Gianni Indino, presidente del Silb, preoccupato però perché la somma che il governo intende stanziare, dai 50 ai 70 milioni, non è ritenuta adeguata, in considerazione anche del prossimo prolungamento dello stato di emergenza al 31 gennaio 2021. Nel contempo però la regione Emilia Romagna si è detta disponibile ad affiancare l'esecutivo negli sforzi necessari per poter indennizzare in maniera adeguata il settore. Un intervento che trova il plauso di Indino: «Devo ringraziare oltremodo il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, presente al tavolo nel ruolo di presidente della Conferenza delle Regioni e l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini. Ancora una volta il governatore ha dimostrato grande sensibilità e attenzione verso il mondo dell’intrattenimento, che sul nostro territorio è componente strutturale dell’offerta turistica, promettendo un’ulteriore ricerca di risorse anche facendosi portavoce con gli altri presidenti di Regione».