Domenica 25 Ottobre06:45:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuova Unione Comuni Valmarecchia: segretario Pd Rimini 'punzecchia' due sindaci

Nel mirino Leonardo Bindi (San Leo), ma anche Guglielmino Cerbara (sindaco del Pd di Sant'Agata Feltria)

Attualità Rimini | 13:15 - 30 Settembre 2020 Filippo Sacchetti, segretario Pd Rimini Filippo Sacchetti, segretario Pd Rimini.

L'Unione dei Comuni Valmarecchia si divide in due sub-ambiti. La decisione ha il plauso del segretario provinciale del Partito Democratico, Filippo Sacchetti, che coglie l'occasione per attaccare il sindaco di San Leo Leonardo Bindi, "reo" di aver convocato il consiglio comunale in tre occasioni al fine di deliberare l'uscita di San Leo dall'Unione, per poi fare retromarcia: entro ottobre sarà infatti riconvocato il consiglio comunale con all’ordine del giorno la revoca della fuoriuscita dall’ente. La precedente decisione aveva causato una frattura nella maggioranza, con l'estromissione dalla giunta dell'assessore del Pd, Francesca Mascella, contraria alla decisione di uscire dall'Unione dei Comuni Valmarecchia. Sacchetti usa l'ironia: "Pensavo di essere su scherzi a parte". Critico, il segretario pd, anche nei confronti del capogruppo della minoranza di Sant’Agata Feltria Paolo Ricci, che aveva difeso Bindi. Ricci aveva sottolineato che anche la giunta comunale di Sant'Agata e il sindaco Cerbara, del Pd, avevano deliberato la stessa uscita dall'Unione. "Gli ho risposto che ritenevo un errore quello compiuto dal primo cittadino del mio partito e oggi scopro che a distanza di appena cinque giorni, lunedì 28 settembre, l’intero consiglio ha votato ancora all’unanimità a favore della revoca del precedente pronunciamento. Cose da Scherzi a parte, se come detto a pagarne le conseguenza non fossero poi i cittadini”, commenta Sacchetti, riferendosi ai costi dei consigli comunali convocati per dei provvedimenti che sono stati poi revocati a stretto giro di posta.