Domenica 25 Ottobre09:20:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sport agevolato, il Comune di Rimini taglia del 60% le tariffe per l’utilizzo degli impianti

Con quest'azione si spera in una ripresa graduale delle attività senza causare contraccolpi alle società

Sport Rimini | 12:18 - 30 Settembre 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Dopo un lungo stop legato all’emergenza sanitaria stanno gradualmente riprendendo le attività degli impianti sportivi indoor della città di Rimini, dalle palestre scolastiche alla piscina comunale. E per andare a sostegno delle associazioni sportive, il Comune di Rimini ha deciso di intervenire per la stagione in corso (2020/2021) andando ulteriormente a tagliare le tariffe per l’utilizzo degli impianti, portando lo sconto complessivamente al 60%.

“Ci è parso il modo più immediato per venire incontro alle associazioni sportive, chiamate ad applicare una serie di misure indispensabili per garantire la salute dei propri tesserati, con un maggior carico di responsabilità e di costi – sottolinea l’assessore Gian Luca Brasini – Inoltre, dovendo prevedere un intervallo minimo di 15 minuti tra una attività e l’altra per pulire l’impianto e allo stesso tempo garantire l’utilizzo della struttura a tutte le società che ne hanno diritto, si andrà inevitabilmente a contrarre l’effettivo orario dedicato agli allenamenti. Dunque ci è sembrato necessario andare a decurtare le tariffe a carico delle società: già ad agosto eravamo intervenuti con una delibera di Giunta applicando una riduzione del 15% a partire dal 1° settembre. Oggi applichiamo un ulteriore sgravio, portando dunque la riduzione complessiva per la stagione in corso al 60%”.

“Nell’ordinanza regionale – prosegue l'assessore Brasini - si fa esplicito appello alla responsabilità individuale da parte di tutti coloro che utilizzano gli impianti. Un appello che faccio mio, in particolare rispetto al numero di persone che potranno accedere negli impianti: su questo fronte non sarà il Comune a dare un tetto massimo, ma si lascerà discrezionalità alle società, sulla base delle specificità delle diverse discipline e della diversa gestione dell’attività. Se oggi ripartiamo è anche grazie al grande spirito di collaborazione, alle capacità e all’attenzione mostrati dalle associazioni sportive in questi mesi difficili; associazioni guidate da persone, spesso volontari, mosse da una passione che li spinge a sostenere sacrifici e assumersi responsabilità non di poco peso. A loro va il mio grazie”.