Luned́ 26 Ottobre22:51:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dalla Regione nuovi percorsi formativi per l’Alta Valmarecchia

I corsi di formazione fanno parte della strategia per le aree interne dedicata ai sette comuni

Attualità Valmarecchia | 13:14 - 29 Settembre 2020 San Leo (foto Altarimini) San Leo (foto Altarimini).

Formazione ah hoc per creare competenze ed occupazione a favore dei giovani e contribuire allo sviluppo dell’Alta Valmarecchia. E’ questo lo scopo dei percorsi di formazione, approvati dalla Regione.

«Questi corsispiega il consigliere del Pd Nadia Rossi consentiranno a 60 giovani di acquisire una qualifica professionale per accedere al mondo del lavoro attraverso impieghi che seguano la vocazione del territorio e diano prospettive per il futuro».

Si tratta infatti di percorsi formativi per la gestione del verde e della valorizzazione del territorio, nella progettazione alimentare cerealicola e zootecnica innovativa, ma anche come operatori di panificio e pastificio specializzati nella lavorazione dei grani antichi locali, come addetti allo sviluppo delle filiere delle produzioni vegetali locali o ancora come operatore alla promozione e accoglienza turistica dell’Alta Valmarecchia. A questi corsi si aggiungono altri tre percorsi, già approvati e che coinvolgono altre 36 persone.

«Con questo stanziamento – sottolinea Nadia Rossi – sale a 600 mila euro il finanziamento complessivo nell’ambito della Strategia d’Area dell’Alta Valmarecchia che punta su bellezza e qualità ecologica come driver di cambiamento e crescita economica della vallata. Si tratta di un’area che ha delle debolezze strutturali ma che al contempo presenta numerose potenzialità che vanno sollecitate e sostenute. Sono numerosi i provvedimenti che a livello nazionale e regionale vogliamo mettere a punto per garantire un futuro a queste terre che oggi scontano la distanza dai grandi poli industriali e manufatturieri oltre che dai nodi infrastrutturali. Parliamo però di una zona che dal punto di vista paesaggistico, ambientale e agricolo ha molto da offrire e con investimenti e progetti mirati valutiamo di poter sostenere sul piano economico, lavorativo e sociale i residenti. Cercando anche di rendere la Valmarecchia più attrattiva per chi vi si vuole trasferire».

L’Area interna dell’Alta Valmarecchia, interessa i territori dei comuni di Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria, Talamello (area progetto) insieme ai comuni di Santarcangelo di Romagna, Verucchio e Poggio Torriana (area strategia), tutti in provincia di Rimini. E’ inserita nel piano nazionale per le aree interne, per contrastare la caduta demografica e rilanciare la crescita e i servizi di queste zone, ed inserita nel driver ‘Paesaggi da Vivere’ nella strategia di sviluppo regionale.