Luned́ 26 Ottobre05:03:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Apre martedì con Lassandè la rassegna Le Voci dell'Anima

Si tratta della 18esima edizione

Eventi Rimini | 12:34 - 28 Settembre 2020 Barbara Martinini (foto di Nadia Mezzatesta) Barbara Martinini (foto di Nadia Mezzatesta).

Al via LASSANDÈ, titolo e tema dell’edizione del festival Le Voci dell’Anima 2020 che vede l’alternarsi di due/tre proposte ogni sera, per un totale di sedici spettacoli che avranno luogo al Teatro degli Atti di Rimini. Sarà possibile accedere al teatro a partire dalle 20:30, acquistando un biglietto unico valido per l’intera serata al costo di 13€ (ridotto 9€, per studenti e over 65). È anche possibile sottoscrivere un abbonamento valido per tutta la rassegna (del costo di 45€) direttamente in biglietteria. L’ingresso è contingentato ed è previsto il distanziamento nelle sedute in teatro.

La rassegna alza il sipario martedì 29 settembre con Animali da Palco, ospiti tutte le sere del festival alle ore 20.30. Le voci di Teresio Massimo Troll ed Elisa Barucchieri, accompagnati dalla chitarra di Laura Michetti, introdurranno il pubblico al susseguirsi dei vari spettacoli interpretando le ‘creature ribelli’ della poesia italiana, francese, americana. Dalle ore 21.00 si susseguiranno tre spettacoli per una serata interamente dedicata alla danza. La compagnia Perypezye Urbane presenta VAV, di e con Paola Ponti. Un esercizio sulla caduta, la caduta di un evento in quello successivo. VAV, lettera che in ebraico significa “gancio”, è quella congiunzione che implica una relazione tra un evento e l’altro e crea continuità tra le generazioni.  Segue la compagnia riminese Il Tempo Favorevole con Saluti dalla Sicilia. Barbara Martinini, Veronika Aguglia e Marinella Freschi portano in scena tre assoli ispirati a tre temi connessi all’isola: il mare, la donna e il mito, elementi universali esplorati come aspetti specifici di un territorio dove spazio e tempo ordiscono una trama a tinte forti. La serata si conclude con Amapola di Caterina Genta, con musica dal vivo di Luigi Parravicini e Caterina Rossi in aiuto regia. Un papavero, una principessa in un ampio vestito di raso rosso. Donna, animale, fiore che si trasforma. Un esperimento che si rinnova ogni volta e che ha come punto centrale il potente cuore dell’artista, che si abbandona ai movimenti corporei in una danza che è esatta, leggibile, necessaria, organica e potente. 

Oltre agli spettacoli protagonisti del festival si potrà partecipare anche al workshop di venerdì 2 e sabato 3 ottobre a cura di Antonio Grimaldi "Vita risplendi". Un laboratorio intensivo e aperto a tutti per indagare il mondo di oggi attraverso una riflessione sulle opere e sulle parole di Pier Paolo Pasolini, a partire dal vocabolario visivo cui lo stesso autore attinge per rappresentare la sua “modernità”.  (Costo del laboratorio: 50€. Tutti i partecipanti avranno l’abbonamento gratuito al Festival. Info: teatrogrimaldello@hotmail.it 3318029416 - 3662290272).

Informazioni e prenotazioni teatrodellacentena@pianoterra.org  oppure 333 8870576 - 0541 793824