Martedý 27 Ottobre07:33:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Via De André paralizzata dalla burocrazia: si sblocca il cantiere di Viserba

Il 30 settembre partiranno i lavori per portare a termine gli interventi incompleti ma già pagati

Attualità Rimini | 12:10 - 25 Settembre 2020 La situazione di via De André documentata da alcuni residenti La situazione di via De André documentata da alcuni residenti.

Avevamo raccontato il malumore di alcuni residenti di via De André a Viserba di Rimini a febbraio, quando ancora la situazione sembrata ferma in un vicolo cieco. Ma ora dal Comune arriva la notizia che il complesso residenziale di Viserba, dove l’impresa costruttrice aveva lasciato incompiute le opere di urbanizzazione a suo carico, è stato finalmente sbloccato. Partiranno così il 30 settembre infatti inizieranno i primi lavori di manutenzione straordinaria dell’area e la realizzazione di una prima parte di quegli interventi lasciati sospesi: dopo la messa in sicurezza del cantiere si interverrà con la posa delle caditoie per il completamento della fognatura bianca nel parcheggio (lato nord), che sarà completato con la realizzazione del tappetino d'usura nelle porzioni già asfaltate e la sistemazione betonelle negli stalli. L’intervento sarà a carico della proprietà, che sta portando avanti le trattative per il subentro di un nuovo soggetto attuatore che porterà a termine tutte le opere di urbanizzazione inizialmente previste dal piano.

“Siamo in contatto costante con i residenti, per tenerli aggiornati sugli sviluppi di una vicenda che pare finalmente essere ad un punto di svolta – commenta l’assessore alla pianificazione del territorio Roberta Frisoni – nel caso di via De Andrè l’amministrazione non è potuta subentrare al privato ed escutere la polizza fideiussoria rilasciata a favore del soggetto attuatore, come già successo in circostanze analoghe, a causa di vincoli di legge che hanno portato ad una situazione di stallo. Dalla prossima settimana inizieranno i primi interventi e ci sono buone possibilità che a breve possa avvenire il passaggio di proprietà delle aree del comparto al nuovo soggetto attuatore, che ha già preso l’impegno di completare nell’immediato le opere, rispondendo così alle legittime richieste dei residenti”.