Giovedý 29 Ottobre03:34:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Marignano: niente capodanno del vino, ma ci sarà un evento dedicato al vino e all'olio

Appuntamento domenica 27 settembre in piazza Silvagni

Eventi San Giovanni in Marignano | 13:26 - 22 Settembre 2020 L'assessore Nicola Gabellini con i referenti dei frantoi L'assessore Nicola Gabellini con i referenti dei frantoi.

Il mese di settembre segna il momento della vendemmia e del raccolto. A San Giovanni in Marignano è una tradizione tipica delle origini stesse del borgo e da circa 20 anni è celebrata con un evento, il “Capodanno del Vino e Palio della pigiatura” per rievocare la festa della pigiatura e le tradizioni della Romagna contadina. Quest’anno non sarà possibile lo svolgimento del "Capodanno del vino e palio della pigiatura", in quanto la normativa vigente rende difficoltosa la parte folclorica e soprattutto la possibilità, per i visitatori, di vivere da protagonisti l’evento e le sue bellezze, come provare la pigiatura, incontrare i figuranti e scoprire i mestieri di una volta. Per questo si è scelto di sospendere lo svolgimento dell’evento nella sua vera formula, ma di dedicare comunque domenica 27 settembre ai prodotti tipici della Romagna, in particolare vino e olio, due elementi che fanno parte della storia stessa di San Giovanni in Marignano.

Contemporaneamente allo svolgimento del Vecchio e l’Antico, infatti, in Piazza Silvagni sarà possibile incontrare i produttori e commercianti locali di vino e olio, conoscere ed acquistare i loro prodotti. In particolare hanno aderito all’iniziativa Frantoio Oleario Bigucci, Olio Ferri, Poggio San Martino, Torre del Poggio e dalle ore 9.00 scenderanno in piazza per l’intera giornata. Nel pomeriggio, inoltre, presso la Chiesa di Santa Lucia, grazie all’impegno dei volontari che curano la chiesa, sarà possibile ascoltare le sonorità dell’organo settecentesco.
Infine gli accompagnatori volontari di Aps Pro Loco proporranno alle ore 15.30 e alle 17.00 due visite gratuite del borgo, con partenza da Piazza Silvagni, che toccheranno i principali monumenti, tra cui l’esposizione di Palazzo Corbucci, aperta per l’occasione.

Afferma l’amministrazione comunale: «Questa scelta valorizza la tipicità del vino ed olio locali ed offre una possibilità di incontro e ritrovo, ma in condizioni di sicurezza. Siamo convinti del grande valore degli eventi marignanesi e ci sembra impossibile realizzarli in forma ridotta senza prevedere il coinvolgimento e la partecipazione del tessuto sociale e commerciale, ma anche del pubblico presente», spiega l'amministrazione comunale, che rimarca: «un grande grazie va alla comunità marignanese, sempre in grado di reagire al modificarsi delle situazioni e a tutti coloro che ci stimolano ad andare sempre avanti. Appuntamento dunque a domenica!».