Venerd́ 23 Ottobre01:30:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Alla Fornace di Bellaria cultura, gastronomia e grandi suggestioni in una location unica

Le aree esterne della struttura si aprono al pubblico ed accoglieranno nel weekend due cene esclusive

Attualità Bellaria Igea Marina | 14:14 - 21 Settembre 2020 La vecchia Fornace di Bellaria La vecchia Fornace di Bellaria.

Arriva l’ atteso appuntamento che per due giorni farà rivivere la ex Fornace di Bellaria Igea Marina, riaprendone le porte ai primi ospiti: tra cultura, suggestioni e gastronomia. Ad annunciarlo Fondazione Verdeblu e Amministrazione Comunale.

 

Già da alcuni giorni le aree esterne hanno ricevute le cure del caso, con lo sfalcio di erba e piante selvatiche, il ripianamento di buche e la sistemazione di rami secchi. Ora la “fase 2”, con la sistemazione delle aree definite “essiccatoio”, dove si svolgeranno le cene di sabato 26 alle ore 21.00 e domenica 27 alle ore 20.00,  sottolineate dalla musica del pianoforte a coda del Maestro Borioni. 
 

 

Il sabato a partire dalle ore 18.00, sarà anche possibile ammirare lo splendido laghetto lungo 250 metri, circondato da importanti specie vegetali autoctone. La parte musicale  avrà due importanti protagonisti, il Teo Mandrelli, dj di fama internazionale accompagnato dal violoncello di Alberto Casadei, solista nei maggiori teatri della lirica mondiale.

 

La cena prevede un menù di pesce e abbinamenti specifici con vino. Antipasti: tartare di tonno con marmellata di cipolle in agrodolce; tentacolo di polpo croccante con tortino tiepido di patate, olive taggiasche e datterini gialli; puma di baccalà mantecato e cialda di pane carasau. A seguire un primo piatto:  risotto mantecato con gamberi, rosmarino e limone; quindi si passa a trancio di ombrina con quenelle  di melanzane affumicate e coulis di pomodorini confit  per finire con il dolce: semifreddo al pistacchio con lamponi crumble e cacao amaro.
 

 

I posti disponibili, per ragioni di sicurezza e nel rispetto delle norme anti Covid-19,  saranno cento per ogni cena, con l’obbligo di prenotare e confermare previo pagamento presso Fondazione Verdeblu. Per maggiori informazioni: 0541.346808  oppure 346.1773007.