Venerdė 30 Ottobre08:28:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuova Marecchiese a un punto morto, Zanchini chiede a Santi la riconvocazione del tavolo

Il presidente dell'Unione a quello della Provincia "Siamo pressati da più parti, serve una soluzione urgente"

Attualità Novafeltria | 09:17 - 21 Settembre 2020 Nuova Marecchiese a un punto morto, Zanchini chiede a Santi la riconvocazione del tavolo

Il sindaco di Novafeltria nonché presidente dell'Unione dei Comuni Valmarecchia Stefano Zanchini ha inviato ai sindaci e al presidente della Provincia Riziero Santi una lettera sullo «stallo incomprensibile» riguardo il potenziamento della strada provinciale 58 Marecchiese, perché «è giusto che i sindaci, gli imprenditori, le associazioni di categoria, i cittadini sappiano a che punto è l'iter avviato formalmente nell'incontro avvenuto in teatro all'inizio dell'anno, chi crede nel progetto e chi invece lo ostacola. Dopo l'ultimo tavolo tecnico politico era stata presentata in Regione un'osservazione sul Prit in approvazione, che va riconvocato con urgenza per essere messi al corrente delle novità e per ragionare insieme sul percorso più rapido e proficuo per raggiungere l’obiettivo comune di una nuova viabilità in Valmarecchia. Sono numerose le sollecitazioni che stanno pressando giustamente le amministrazioni locali, da parte della società civile e delle associazioni di categoria, le quali chiedono di essere aggiornate sulle vicende di una strada che oltre ad unire la Valmarecchia con Rimini, funge da collegamento naturale con la Toscana. La situazione di degrado e di limitazione ai trasporti nella rete viabilistica della Valmarecchia rappresenta oggi un peso ormai insostenibile per tutto il mondo del lavoro, e allo stesso tempo aggrava la pericolosità e limita fortemente la circolazione dei cittadini e dei turisti».

Ricordando l’impegno della ministra alle infrastrutture Paola De Micheli ad affiancare con propri tecnici ministeriali i lavori del tavolo e alla luce dei futuri stanziamenti per opere pubbliche garantite dal recoveryfund, «riteniamo indispensabile affrontare tale importantissima tematica nel più breve tempo possibile».