Giovedý 22 Ottobre05:17:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Settimana della mobilità sostenibile: le iniziative di Santarcangelo

Vicesindaco Fussi: "Grazie ai ragazzi della scuola Saffi per la partecipazione"

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:20 - 19 Settembre 2020 Le transenne decorate dai disegni dei ragazzi e delle ragazze della scuola Le transenne decorate dai disegni dei ragazzi e delle ragazze della scuola.

Dal 16 al 22 settembre ricorre la Settimana europea della mobilità sostenibile, giunta quest’anno alla 19ma edizione. Dalle strade scolastiche alla pianificazione strategica, passando per il potenziamento della rete ciclopedonale, sono diverse le misure adottate dall’Amministrazione comunale di Santarcangelo a favore della mobilità sostenibile. 

La novità più recente in questo senso sono le strade scolastiche, alle quali è dedicata un’attenzione particolare per garantire ingresso e uscita in sicurezza degli alunni, incentivare gli spostamenti ecosostenibili e riservare alcuni stalli di sosta agli studenti accompagnati in auto.

A pochi giorni dall’avvio della sperimentazione alla scuola Saffi, nella giornata di ieri (venerdì 18 settembre) il vicesindaco Pamela Fussi e l’assessore alla Scuola Angela Garattoni hanno ringraziato ragazzi e insegnanti che hanno realizzato i disegni apposti sulle transenne utilizzate per chiudere via Alighieri e via Galilei. Grazie alla collaborazione tra Amministrazione comunale, dirigente scolastica e le insegnanti d’arte Susi Domeniconi e Margherita Righini, infatti, durante il lockdown gli studenti di seconda – ora in terza – hanno realizzato una serie di disegni sul tema delle strade scolastiche, dodici dei quali ora decorano le transenne.

Nell’insieme, la sperimentazione è stata particolarmente apprezzata, tanto che la Direzione didattica ha chiesto all’Amministrazione comunale di adottare un provvedimento analogo per via Orsini, all’ingresso della scuola media Franchini e dell’Itse Molari. Un provvedimento che il Comune aveva già preso in considerazione in passato e tornerà a valutare nelle prossime settimane.

Per quanto riguarda invece il potenziamento della rete ciclopedonale di Santarcangelo, oltre al completamento del collegamento tra la frazione di Santa Giustina e il centro ormai in dirittura d’arrivo, sono diversi gli interventi già programmati. Grazie a una serie di accordi urbanistici con i privati e opere del Comune, sta prendendo forma la pista ciclabile lungo la via Emilia: il tratto compreso tra via Tosi e via Piadina sarà realizzato per stralci nei prossimi anni, mentre il tratto da via Piadina a viale Mazzini è già previsto e finanziato dall’Amministrazione comunale. Stesso iter per la nuova pista ciclopedonale di via Togliatti, che collegherà il centro sportivo di via della Resistenza alle scuole Margherita e Saffi nonché al centro urbano.

Dal punto di vista della pianificazione strategica, infine, entro la fine del 2020 verrà affidato l’incarico per la redazione del Pums (Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile), che darà avvio a un percorso partecipato per la riorganizzazione della viabilità ordinaria, dei parcheggi, del trasporto pubblico locale e dei percorsi ciclopedonali sul territorio comunale. Insieme al Pums sarà elaborato anche il Biciplan, una vera e propria mappatura delle piste ciclabili presenti a Santarcangelo per proseguire con il potenziamento della rete e fornire un utile strumento di conoscenza a chi si muove in bicicletta.

«La Settimana europea della mobilità sostenibile è sempre un momento utile per fare il punto della situazione - dichiara il vicesindaco Pamela Fussi - Oltre a ringraziare ragazze e ragazzi della scuola Saffi per la loro partecipazione, vorrei invitare le famiglie ad aiutarci attivamente per far funzionare al meglio le strade scolastiche, un patrimonio di tutti che va sostenuto con l’impegno collettivo della comunità. Nel frattempo come l’Amministrazione comunale stiamo operando su due piani: da un lato, andiamo a completare i percorsi esistenti con interventi puntuali anche in accordo con i privati. Dall’altro stiamo attivando strumenti partecipati di pianificazione strategica, per proseguire l’estensione della rete mettendo in campo una visione complessiva condivisa con la cittadinanza».