Lunedý 26 Ottobre03:12:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cattolica, voto all'unanimità: 'Spiagge libere devono rimanere tali, no privatizzazione"

Una mozione della Lega è stata emendata dalla maggioranza e poi votata da tutto il consiglio comunale

Attualità Cattolica | 14:32 - 18 Settembre 2020 Il sindaco Mariano Gennari Il sindaco Mariano Gennari.

Il consiglio comunale di Cattolica vota all'unanimità la mozione presentata dal consigliere della Lega Marco Cecchini che dispone il mantenimento della libera fruizione delle spiagge pubbliche, chiudendo la strada a ogni ipotesi di privatizzazione dei tratti liberi del litorale. La mozione riguardava l'arenile di levante in zona porto: la maggioranza, espressione del Movimento Cinque Stelle, ha presentato un emendamento che estendeva la disposizione a tutta la spiaggia libera cattolichina. Forze politiche tutte concordi ad ampliare anche l’impegno per la promozione di azioni necessarie a garantire l’inclusione e la libera fruibilità delle spiagge libere da parte di ogni utenza, in particolare di quella “debole”, prospettandone l’inserimento di eventuali opere nel programma triennale delle opere pubbliche 2021-2023. La mozione prevede infine che il piano dell’arenile di prossima adozione da parte di sindaco e giunta preveda, nei limiti della legittimità e dei vincoli di pianificazione, ogni azione possibile affinché anche i titolari privati delle Concessioni Demaniali Marittime, siano tenuti a garantire il principio di “accessibilità” ed “inclusività”, sia sotto il profilo infrastrutturale sia sotto quello gestionale. «Con l'emendamento di ieri sera ha vinto Cattolica. Abbiamo ritenuto di dover dare lo stesso valore a tutte le spiagge libere di Cattolica e con questo intendiamo tutte quelle che non sono date in concessione: se si forma naturalmente un nuovo tratto di spiaggia, nasce libera e tale deve rimanere», commenta soddisfatto il sindaco Mariano Gennari.