Sabato 26 Settembre10:23:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cna Rimini sostiene il Fondo per il lavoro della Caritas

Secondo i datidi Cna, tra aprile e agosto calo di assunzioni di oltre il 30% rispetto al 2019

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 16:16 - 16 Settembre 2020 Cna Rimini (con il vicesindaco Lisi) ufficializza il suo sostegno al fondo per il lavoro della Caritas Cna Rimini (con il vicesindaco Lisi) ufficializza il suo sostegno al fondo per il lavoro della Caritas.

CNA Rimini, con l’intento di favorire l’inserimento lavorativo di persone disoccupate e in condizioni economiche disagiate, sostiene e promuove il progetto della Caritas di Rimini “Fondo per il lavoro”.  L'obiettivo complessivo, a maggior ragione a cavallo di una congiuntura economica per certi versi drammatica, è quello di superare il concetto assistenzialistico promuovendo un sistema virtuoso ed educativo che miri al reinserimento sociale della persona con al centro la sua dignità. Il buon risultato di questo progetto dipende anche dal senso di responsabilità di tutti gli attori economici e sociali del territorio, dalla loro capacità e dallo sforzo comune di scambio continuo di contatti, informazioni, curricula, utile creare un vero e proprio network sociale. 

Il lockdown ha picchiato duro sull'economia del territorio con conseguenze sull'occupazione di una stagione complicata: il dato legato alle assunzioni gestite dagli uffici di CNA nel periodo aprile-agosto registra un calo di 198 unità, ovvero una riduzione oltre il 30% rispetto allo scorso anno. Difficoltà confermate dalla altissima percentuale di ricorso agli ammortizzatori sociali: tra le aziende assistite da CNA il 71% ad aprile aveva attiva una domanda di ammortizzatore sociale, percentuale che a luglio scende al 19% ma ancora molto alta. Dati significativi che è facile immaginare avranno un impatto sulla capacità di spesa delle famiglie e sulla tenuta della coesione sociale.

Un buon mese di agosto non basta, l'economia del territorio dovrà fare i conti con il prossimo autunno su cui peseranno in modo determinante anche le politiche nazionali. Di qui l’avvicinamento tra CNA e Caritas, che ha come obiettivo quello di non lasciare nulla di intentato, valorizzando al massimo l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro, servizio offerto da CNA attraverso Ecipar che, alla luce di questo accordo, si preoccuperà di segnalare alle proprie aziende l’opportunità fornita dal Fondo per il Lavoro, attingendo alla banca dati della Caritas. Anche la formazione diventa determinante per agganciare occasioni occupazionali. CNA-Ecipar nel 2019 ha erogato 2830 ore di formazione nei confronti di persone in cerca di lavoro, 250 disoccupati hanno svolto corsi professionalizzanti con 65 aziende del sistema CNA coinvolte attraverso stage formativi a cui si aggiungono i 44 tirocini del 2019 e i 19 in corso. Chi si trova senza lavoro spesso deve reinventarsi oppure semplicemente aggiornare le proprie competenze, per questo CNA-Ecipar incrocia domanda e offerta di lavoro con percorsi formativi per disoccupati. I profili interessati? Nel 2019 Operatore meccanico di sistemi con competenze digitali di Industria 4.0, Operatore tecnico di Sistemi di Antintrusione, Operatore alle cure estetiche, Tecnico contabile e Analista programmatore. Un mondo della formazione professionale in continuo fermento con opportunità diffuse e su larga scala vista l'attivazione di 33 percorsi per acquisizione di competenze di base (informatica e lingue straniere) per disoccupati oltre a 2 percorsi per avvio di impresa. Con una priorità: il coinvolgimento di quelle figure lasciate indietro dal mondo del lavoro, padri di famiglia, mamme, genitori separati, giovani disoccupati o precari senza un sostegno familiare, profili che ogni giorno Caritas segue e sostiene con la volontà, attraverso questa collaborazione con CNA Rimini, di reinserire nel mondo del lavoro.

Lo strumento operativo è il Fondo per il Lavoro istituito dalla Caritas Diocesana di Rimini che prevede un contributo a fondo perduto a favore dell’azienda nella misura del 15% del costo lordo dipendente per un massimo di 12 mesi. Ad oggi complessivamente sono stati erogati 685 mila euro di somme a sostegno del reinserimento lavorativo, 42 mila euro già impegnati per contratti stipulati in scadenza. Sono 45 le persone che hanno firmato un contratto a tempo indeterminato ma tra tirocini, contratti a tempo determinato e indeterminato sono 181 gli occupati complessivi registrati, con 103 aziende coinvolte (tra queste 53 artigiane, industriali, servizi e produzione e 19 bar, ristoranti, alberghi).

ASCOLTA L'AUDIO