Venerd́ 25 Settembre16:19:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Orientarsi con le stelle: l'artista visiva Dacia Manto espone a Milano

Vive tra i boschi della Valmarecchia

Attualità Rimini | 19:24 - 14 Settembre 2020 Orientarsi con le stelle: l'artista visiva Dacia Manto espone a Milano

C’è anche l’artista visiva Dacia Manto, classe 1973 che vive e lavora vicino a Pennabilli, nel cuore dei boschi della Valmarecchia, piccolo comune in provincia di Rimini, tra gli autori scelti per raccontare il tema del rapporto tra uomo, natura e cosmo nella grande mostra “Orientarsi con le stelle”, in programma a Milano dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 nelle sale della Casa Museo Boschi Di Stefano di via Giorgio Jan 15. Sostenuto dal Comune di Milano, nato da un’idea di Red Lab Gallery e Alessia Locatelli, curato da Gigliola Foschi e Lucia Pezzulla, il progetto espositivo “Orientarsi con le stelle” - che vuole essere un segnale forte da parte del Comune di Milano della volontà di far ripartire la cultura in città dopo l’emergenza Covid-19 - presenta trenta opere fra fotografie, video e installazioni che svelano differenti modi di riflettere sulle figurazioni magiche e poetiche attraverso cui l’uomo, lui stesso prodotto dell’universo, si rivolge e interpreta le stelle. A Milano, accanto alle opere di Dacia Manto, i lavori di altri otto autori: Alessandra Baldoni, la norvegese Marianne Bjørnmyr, il catalano Joan Fontcuberta, Paola Mattioli, Occhiomagico (Giancarlo Maiocchi), Edoardo Romagnoli, Pio Tarantini e il greco Yorgos Yatromanolakis. Dacia Manto, che da alcuni anni porta avanti attraverso video, installazioni, disegni e performance una personale ricerca e mappatura della natura con particolare interesse per i territori fluviali e palustri, residui di boschi planiziari e periferie semiselvatiche, a Milano propone Humus Siderale (2020), una serie di opere realizzate appositamente per la mostra, dove immagina e fa rivivere il verde che si apriva di fronte alla Casa Boschi Di Stefano quando venne costruita dall’architetto Piero Portaluppi tra 1929 e il 1931. In una sua istallazione dal grande impatto emotivo i disegni della natura si trasformano in mappe ramificate illuminate da piccole luci simili a quelle pulsanti delle stelle che compongono una costellazione. Dacia Manto ha inoltre illustrato con una sua opera inedita la copertina del catalogo d’autore che accompagna la mostra (Edizioni Red Lab, 2020), arricchito anche da alcuni testi di Antonio Prete, saggista, narratore e poeta, autore della recente raccolta di poesie “Tutto è sempre ora” (Einaudi, Torino 2019). “Orientarsi con le stelle” è il naturale proseguimento dell’omonima rubrica online di fotografia, arte e cultura ideata da Red Lab Gallery e condotta da Alessia Locatelli, direttore artistico dell’Archivio Cattaneo e della Biennale di Fotografia Femminile di Mantova, che durante tutto il periodo di lockdown ha incontrato virtualmente diverse figure del mondo della cultura e della fotografia, per scoprire il loro rapporto segreto con lo spazio stellare e la natura. Gigliola Foschi: “La mostra indaga quali corrispondenze esistano tra la geografia celeste e la geografia delle passioni. Ma vuole anche offrire uno spunto di riflessione affinché la pandemia che ci ha coinvolto sia occasione per ripensare il nostro rapporto con la natura, sempre più manipolata e tradita dall’essere umano, incapace di proporre uno sviluppo rispettoso dei suoi ritmi.

Dacia Manto, autrice di spessore internazionale, ha esposto in Italia e all’estero presso numerose gallerie e  spazi museali tra cui il MAR di Ravenna, il MART di Rovereto, il MAGA di Gallarate, il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, il PAC di Milano, il Musée d’Art Moderne di Saint-Etienne, la Biennale di Poznan. Ha inoltre partecipato al progetto di Arte Pubblica per Tusciaelecta e vinto numerosi premi tra cui il Premio Acea Eco Art, nel 2012, col video Planiziaria. Red Lab Gallery è un laboratorio di sperimentazione, pensato per promuovere la cultura delle immagini ma aperto a contaminazioni di diverso tipo. Un luogo dove vengono individuati nuovi modi di esporre e raccontare l'arte visiva, intesa come partecipazione interattiva e bidirezionale.