Sabato 26 Settembre13:40:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: meno tasse per chi abbassa gli affitti ai negozianti inquilini

L'ammontare dei contributi "No Tax Area" per il triennio 2019-2021 è 600 mila euro ripartiti su tre annualità

Attualità Rimini | 13:21 - 11 Settembre 2020 Palazzo Garampi di Rimini Palazzo Garampi di Rimini.

L'amministrazione comunale di Rimini lancia un invito affinché i proprietari degli immobili aderiscano all'iniziativa del comune che prevede benefici in termini di sgravi Imu a favore di chi decide di ridurre i canoni di locazione. Il tutto attraverso l'adesione al progetto "No tax area" del Comune di Rimini, riproposto per il triennio 2019-2021: un articolato pacchetto di misure a favore del settore commerciale e produttivo, con la possibilità di l’erogazione di contributi economici a fondo perduto, di entità rapportata ai tributi locali pagati al Comune di Rimini. Per tutti i beneficiari, quindi, lo schema di funzionamento dell’agevolazione è il medesimo. I tributi devono essere integralmente pagati prima di presentare la domanda con la rendicontazione; il Comune, secondo i casi, e verificati i requisiti del richiedente, concede una somma di denaro uguale ai tributi versati o a una parte di questi.

I contributi per il 2019 sono stati complessivamente di 200 mila euro e hanno riguardato, per questa finalità specifica legata all’affitto, il riconoscimento di contributi ad otto attività. In riferimento ai settori economici, a cui appartengono i soggetti beneficiari degli “Affitti rinegoziati”, si evidenzia come i “veri” beneficiari dei contributi siano stati le imprese conduttrici dei locali in affitto, che godono della riduzione del canone di locazione concessa dai proprietari. L'ammontare totale dei contributi “No Tax Area” per il triennio 2019-2021 è di 600 mila euro ripartiti su tre annualità.