Giovedý 24 Settembre06:51:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Oltre 350 spettatori del confronto tra Gnassi e l'economista Zamagni sul futuro di Rimini

Primo appuntamento della rassegna "Non aver paura di tirare un calcio di rigore"

Attualità Rimini | 13:09 - 09 Settembre 2020 Gloria Lisi, Andrea Gnassi, Silvia Sanchini e Stefano Zamagni sul palco Gloria Lisi, Andrea Gnassi, Silvia Sanchini e Stefano Zamagni sul palco.

«Ci vuole coraggio a parlare di futuro in una fase storica dove ci sentiamo così bloccati. E questo coraggio è stato ripagato dalle oltre 350 persone che hanno scelto di essere presenti alla piazza Francesca da Rimini per il primo incontro del ciclo Non aver paura di tirare un calcio di rigore”, la serie di confronti aperti per discutere insieme del domani della nostra Stefano Zamagnicittà che ho avuto il piacere di aprire». Così Gloria Lisi commenta l'esordio della rassegna, il cui primo appuntamento si è tenuto ieri sera (martedì 8 settembre) in piazza Francesca da Rimini. Sul palco il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, l'economista Stefano Zamagni e Silvia Sanchini. Temi la partecipazione diretta della comunità alla vita politica e sociale, la cooperazione tra pubblico, privato e società civile, in particolare per il sostegno alle fasce più fragili della popolazione e ovviamente il futuro di Rimini, anche in previsione del momento elettorale del 2021. «E la presenza ‘fisica’- oltre ai tanti messaggi di apprezzamento che anche oggi continuano ad arrivarmi - è la testimonianza concreta di una voglia di partecipazione reale, un segnale da tenere bene a mente in previsione di un 2021 che sarà un crocevia per il futuro della nostra città e che necessita dell’apertura alle forze, alle idee, alle persone anche al di fuori del campo ristretto dei partiti e delle correnti», evidenzia la Lisi.  Per il prossimo appuntamento di Non aver paura di tirare un calcio di rigore l’invito è stato rivolto alla vicepresidentessa della Regione Emilia Romagna Elly Schlein. E' stata anche aperta un'email   ( nonaverpauraditirareunirigore@gmail.com) e lanciato un hashtag #NonAverPauraDiTirareUnCalcioDiRigore per raccogliere contributi e opinioni.