Domenica 20 Settembre02:11:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, "Humus Altro Festival", un weekend per "coltivare la città" agli ex magazzini Enel

Da venerdì 4 a domenica 6 settembre in via Destra del Porto l'evento del progetto Humus, nato all'interno dell'associazione Pacha Mama

Eventi Rimini | 10:22 - 02 Settembre 2020 Una immagine dall'edizione 2019 Una immagine dall'edizione 2019.

Un festival culturale a tutti gli effetti, tra concerti, installazioni artistiche, mostre fotografiche e proiezioni di film, con in più la massima attenzione alla solidarietà e alla sostenibilità, tra prodotti equo-solidali e plastic free: da venerdì 4 a domenica 6 settembre gli ex magazzini Enel di via Destra del Porto a Rimini ospitano la seconda edizione di Humus Altro Festival, appuntamento interamente organizzato dagli oltre 50 volontari, rigorosamente under 30, dell'associazione Humus.

“Il tema di quest'anno è ‘Coltivare la Città’, ovvero prendersi cura degli spazi, della res publica- spiegano gli organizzatori dell’associazione Humus-. La locandina, che nasce da una fotografia di Pier Paolo Zani, vuole esprimere proprio questo: la fatica del lavoro, della terra che sporca ma si rivela fertile. Humus nasce dalla relazione tra la terra e la città, come spazio d'incontro, di scambio. Come in natura dal vecchio nasce il nuovo attraverso la decomposizione, passaggio a volte doloroso ma sicuramente inevitabile”.

Tra i principali protagonisti musicisti come la cantautrice Maria Antonietta (già a Sanremo 2020), gli Oggi Raouli (gli ex Camillas, la band del compianto Mirko Bertuccioli) e il cantante Krapach, insieme alla fotografa Elisabetta Zavoli già pubblicata sul New Yorker, e al poliedrico Massimo Modula

E poi installazioni artistiche, mostre fotografiche, proiezioni di film: da non perdere domenica 6 alle 21 la proiezione in esclusiva, in collaborazione con Notorius cine blog, di "Che Fare Quando il Mondo è in Fiamme", un lavoro dedicato alle lotte del movimento Black Lives Matter. A introdurre l'opera, un monologo dello stand-up comedian Raymond Solfanelli.

Humus Altro Festival ha ricevuto il patrocinio del Comune di Rimini e una particolare attenzione da parte del vicesindaco Gloria Lisi, che ha concesso una lunga intervista sui temi del sociale e del solidale che sarà proiettata nei giorni del festival.

Il progetto Humus si è sviluppato all'interno di Pacha Mama, a partire dall'associazione nata a sua volta per supportare la cooperativa, promuovendo eventi di valorizzazione del consumo etico. Dopo la prima edizione del festival nel settembre 2019, tra novembre dello stesso anno e gennaio 2020 l'associazione ha aperto AltroSpazio, un temporary shop nel centro storico di Rimini che ha ospitato concerti, letture di poesie e spettacoli teatrali, valorizzando nel frattempo le produzioni artigiane locali e il commercio equo e solidale. Ad oggi l'associazione conta più di 1000 iscritti e oltre 50 volontari attivi, oggi tutti impegnati nella realizzazione del nuovo appuntamento Humus Altro Festival #2. 

Per questa seconda edizione, Humus Altro Festival ha ottenuto il sostegno anche di Matrioska Lab Store, l’evento dedicato all’artigianato, al design e alla creatività che si terrà il weekend successivo: Matrioska ha aperto ai ragazzi di Humus le porte degli ex Magazzini Enel di via Destra del Porto, uno spazio di oltre 4.000 metri quadrati che permette di svolgere in totale sicurezza e nel rispetto di ogni norma sul distanziamento sociale il festival, concerti compresi.

Al programma di eventi, alle installazioni e alle mostre si affiancherà dall’apertura fino all’orario di chiusura una proposta di street food, per permettere ai visitatori di vivere l’evento in tutta la sua durata: tutto il cibo e il bere proviene da un'accurata selezione di proposte a km 0, o dalla filiera del commercio equo e solidale. Tutto il festival avrà un impatto più basso possibile in termini di rifiuti, nel rispetto profondo dell'ambiente.

Per poter partecipare all'evento è necessaria la tessera associativa di Pacha Mama, costo 8€, che darà la possibilità di accedere non solo ai tre giorni di festival, ma anche a tutti gli eventi che saranno organizzati fino alle fine del 2021: per averla è sufficiente compilare un modulo on-line, recuperabile sulle pagine social di Humus Altro, mentre il pagamento potrà avvenire direttamente all’ingresso dell’evento.