Giovedý 24 Settembre00:33:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rissa notturna tra giovani: "Santarcangelo allo sbando", è polemica

E' successo nella notte in zona parco Campo della fiera. Cittadini e la Lega attaccano

Cronaca Santarcangelo di Romagna | 15:25 - 28 Agosto 2020 Carabinieri (foto di repertorio) Carabinieri (foto di repertorio).

Una rissa tra giovani è scoppiata la scorsa notte (tra il 27 e il 28 agosto) al parco Campo della fiera di Santarcangelo. Secondo quanto riferito da alcuni testimoni, residenti nelle vie limitrofe, hanno anche lanciato bicchieri contro le finestre delle abitazioni. Circostanze però non confermate dall'amministrazione comunale. A fermare i partecipanti alla rissa, tutti poi identificati (c'era anche un minorenne), è stata una pattuglia della Polizia Municipale che, puntualizza l'amministrazione comunale, era già in zona in perlustrazione, poi una pattuglia dei Carabinieri. «Siamo vicini alle persone rimaste coinvolte loro malgrado nello spiacevole episodio e continuerà a seguirne gli sviluppi insieme alla Polizia locale e dei Carabinieri, che ringraziamo per l'intervento efficace e tempestivo», spiega l'amministrazione comunale, che esprime la propria preoccupazione per il coinvolgimento di ragazzi giovani e la necessità di disporre interventi di carattere sociale, per far fronte a eventuali situazioni di disagio familiare.

LA LEGA ATTACCA. Duro l'intervento del consigliere comunale della Lega, Marco Fiori, che parla di una Santarcangelo allo sbando, criticando e accusando il sindaco Parma di immobilismo, lassismo e inadeguatezza. Fiori evidenzia «vandalismi poi sfociati nel più grave problema delle baby gang, spaccio di stupefacenti nei parchi cittadini in esponenziale aumento, pirati della strada lungo le vie cittadine, spaccate di auto in sosta con furto, furti di biciclette, aggressioni, scippi e rapine». Inoltre, aggiunge, «il disturbo della quiete pubblica a causa di schiamazzi di giovani minori alcolizzati fuori da locali del centro e concerti mascherati da feste di laurea nella piazza principale fino a tarda notte». L'esponente locale del Carroccio descrive Santarcangelo come «meta del turismo enogastronomico ma anche di quello criminale e, se è vero come è vero, che molti soggetti socialmente disadattati e violenti vengono dai paesi limitrofi, essi rappresentano un grosso pericolo per i nostri figli».