Marted́ 22 Settembre20:35:52
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

"Clinica mobile per i test sierologici agli insegnanti": la proposta del vicesindaco di Rimini

Gloria Lisi sottolinea il successo dell'iniziativa estiva e chiede la sua riproposizione a settembre

Attualità Rimini | 13:44 - 24 Agosto 2020 La clinica mobile per i test sierologici La clinica mobile per i test sierologici.

Il vicesindaco di Rimini Gloria Lisi invita i cittadini ad assumere un comportamento responsabile, per limitare i contagi da Sars-CoV-2, ma anche a sottoporsi alle tecniche di screening, utili a individuare soprattutto i soggetti asintomatici. Quello del vicesindaco è un appello diretto in particolar modo alla categoria delle badanti, in quanto le persone a contatto con la fascia di popolazione più fragile. «Queste figure professionali, in gran parte cittadine dell’est Europa al rientro in questi giorni dalle ferie trascorse nei loro paesi, si sottopongano alla quarantena volontaria e al test, in modo da limitare al minimo i rischi per i loro assistiti», sottolinea la Lisi, che aggiunge: «Anche sottoporsi ad un semplice test è una forma di impegno civico, lo stesso di cui la nostra comunità ha dato una grande prova nel periodo più duro del lockdown».  

Il vicesindaco di Rimini si dice soddisfatta per l'elevato numero di persone che hanno aderito al progetto "Riviera Sicura", sottoponendosi al test sierologico veloce (tramite puntura del dito) nella clinica mobile posta a due passi dalla spiaggia e dal Grand Hotel, in piazzale Fellini: «sfidando anche il caldo di questi giorni, si sono messi in fila attendendo il proprio turno sia vacanzieri che hanno rinunciato a qualche ora di spiaggia, sia tantissimi riminesi, molti dei quali al rientro dalle ferie fuori città. I cittadini hanno la consapevolezza che la salute della comunità passa per la prevenzione».

La Lisi invita le istituzioni a mettere i cittadini nelle condizioni migliori, con modalità di screening veloci ed economiche, senza troppe trafile e prenotazioni. Una soluzione, in particolar modo in chiave riapertura delle scuole, è quella di riproporre la clinica mobile: «Da inizio settembre, con il ritorno in aula degli insegnanti, di posizionare il camper dell’Azienda sanitaria fuori nelle vicinanze dei principali poli scolastici, penso al centro studi della Colonnella o Viserba, in modo che gli insegnanti che ne manifestino la volontà, abbiano la possibilità di sottoporsi al test rapido ottimizzando i tempi».