Venerd́ 25 Settembre14:46:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Marino: ecco le nuove disposizioni per rientro dai paesi esteri

Ci sono anche nuove disposizioni per l’ingresso e la permanenza nelle strutture sanitarie

Attualità Repubblica San Marino | 13:38 - 20 Agosto 2020 San Marino (foto di repertorio) San Marino (foto di repertorio).

Considerata la ripresa del numero di contagi nelle aree limitrofe di San Marino durante il periodo estivo, che ha visto numerosi cittadini sammarinesi e residenti in territorio recarsi all’estero in aree sensibili e tenuto conto dell’esigenza di preservare la salute pubblica ed evitare eventuali contagi che al momento non destano preoccupazioni essendo in numero limitato, l’Istituto per la Sicurezza Sociale comunica le modalità di gestione dei controlli anti Covid-19 su coloro che rientrano da viaggi all’estero e le nuove disposizioni sanitarie per chi accede o permane all’interno delle strutture dell’ISS.

In base alle disposizioni contenute nel Decreto Legge 134/2020, coloro che rientrano da paesi extra UE, extra Shenghen (ad eccezione di Gran Bretagna Stati, Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco e Stato della Città del Vaticano) e da Croazia, Spagna, Malta, Romania, Bulgaria , Grecia “hanno l’obbligo di comunicare preventivamente il proprio rientro al Dipartimento Affari Esteri o, nel caso di rientro per motivi d’urgenza, alla Centrale Operativa Interforze” (mail di contatto: viaggereinformati@esteri.sm).
Dal Dipartimento Esteri i nominativi sono poi comunicati all’ISS, che programma l’esecuzione dei test di accertamento entro 24-48 ore (giorni feriali) tramite contatto degli interessati da parte dei Centri Salute di riferimento. Dal momento del rientro e fino all’esito del test, la persona dovrà restare in isolamento fiduciario. Per garantire una linea di informazione costante con la cittadinanza, è stato potenziato l’orario del  numero sanitario 0549 994001, che sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 17:30. Sabato e Festivi dalle 9:00- 12:30 fino a nuove disposizioni.

Sono state emanate, e dunque già in vigore da oggi, le nuove disposizioni sanitarie per l’accesso e la permanenza all’interno di strutture dell’Istituto per la Sicurezza Sociale.

Da oggi, 20 Agosto, vige l’obbligo di indossare la mascherina all’interno di tutti i locali dell’Istituto per la Sicurezza Sociale - sia l’Ospedale di Stato che le altre strutture sul territorio, es. Centri Salute, Condotte decentrate, Farmacie, ecc.. - per gli utenti/visitatori e per il personale ISS ogni volta che si accede nei locali e per tutta la durata della permanenza; tale misura deve essere assolutamente osservata e, in caso di inosservanza, deve essere inibito l’accesso all’Ospedale o al Servizio o Ufficio, invitando a lasciare i locali dell’ISS per motivi di sicurezza e salute pubblica.

Le visite ai degenti ricoverati in Ospedale sono ammesse tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, ma dovranno essere rispettati scrupolosamente gli orari di accesso nei reparti che temporaneamente vengono fissati in due fasce orarie: fascia A dalle ore 13:00 alle ore 14:00 e fascia B dalle ore 17:00 alle ore 18:00. La visita è consentita giornalmente a un unico familiare per paziente a scelta fra la fascia A e la fascia B. Solo in casi particolari e per esigenze specifiche sarà possibile chiedere permessi speciali alla Direzione ospedaliera.

E’ prevista la rilevazione della temperatura agli utenti/visitatori, prima di accedere agli ambulatori e ai reparti, che non deve superare 37,5 °C; in caso di temperatura superiore sarà inibito l’accesso al reparto e l’utente verrà invitato, per motivi di sicurezza e salute pubblica, a lasciare i locali dell’ISS e a contattare il proprio medico curante.

Agli ingressi dell’Ospedale, nonché agli accessi dei Reparti, Centri, Farmacie, Ambulatori, sono apposti cartelli recanti le indicazioni di obbligo mascherina, distanziamento sociale e igienizzazione mani.

Ai cittadini si chiede di rispettare le disposizioni di igiene e le norme comportamentali emanate al fine di prevenire una nuova diffusione del contagio da Covid-19.