Sabato 19 Settembre01:19:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sgominata la baby gang dell'invaso del Ponte di Tiberio: "spiccata indole criminale"

Quattro ragazzini violenti, autori di rapine a danno di coetanei

Cronaca Rimini | 15:36 - 19 Agosto 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

La Squadra Mobile della Polizia di Rimini ha sgominato una baby gang minorile, che aveva iniziato ad agire, nella zona dell'invaso del Ponte di Tiberio, subito dopo la fine della "serrata" per l'epidemia da nuovo coronavirus. La baby gang è formata da un ragazzo nato in Provincia di Napoli e tre nati a Rimini: secondo quanto ricostruito dagli agenti nelle indagini, i minori hanno dimostrato "una spiccata indole criminale, per il solo gusto di avere una supremazia territoriale". Incuotevano terrore e aggredivano i coetanei con schiaffi, pugni e calci, portando via loro denaro e telefoni cellulari; così avevano costretto molte vittime a modificare le proprie abitudini quotidiane, evitando la zona della città nella quale la baby gang regnava incontrastata, prima dell'intervento della Polizia. Il gip presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna ha chiesto la custodia domiciliare per le ipotesi di reato di rapina aggravata, lesioni personali aggravate e violenza privata. In uno degli episodi criminosi, lo scorso luglio, un ragazzo loro vittima è stato prima preso a calci, pugni e schiffi, infine colpito con forza con un casco da motociclista, venendo poi privato di telefono cellulare, soldi e sigarette. In un altro caso la vittima era stata costretta a inginocchiarsi e a rivolgersi al capo della baby gang chiamandolo "re del mondo".