Giovedý 24 Settembre07:03:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ferragosto: Riccione traccia il bilancio dell'estate. "Risultati portati a casa, coraggio premiato"

La soddisfazione dell'assessore Caldari: "Siamo stati una comunità reattiva"

Turismo Riccione | 07:34 - 15 Agosto 2020 L'assessore Stefano Caldari L'assessore Stefano Caldari.


L'assessore al turismo del Comune di Riccione, Stefano Caldari, augura buon ferragosto a tutta la città in una nota. Per l'amministrazione comunale della Perla Verde, il bilancio dell'estate 2020 è positivo, «stando ai primi indicatori economici». L'assessore Caldari parla di «risultati portati a casa», grazie alla sinergia tra la stessa amministrazione e le categorie economiche cittadine: «Siamo stati una comunità reattiva, prudente quando serviva essere prudente, coraggiosa quando c'era bisogno di dare coraggio e sostenere una comunità economica che, solo 4 mesi fa, temeva di dover rinunciare completamente all'estate e al lavoro a causa di chiusure e misure drastiche. Abbiamo alzato la voce e i numeri oggi premiano». Un indicatore economico citato dall'assessore è lar accolta dei parchimetri: 299.000 euro nel luglio 2019, 298.000 euro nel luglio 2020. Ad agosto un incremento, in un anno, da 98.000 a 102.000 euro. «E c'è un altro dato fondamentale, se nel 2019 i pagamenti per la maggior parte erano stati cash e con le carte di credito solo per 4 mila euro, quest'anno i pagamenti con le carte sono già di 40 mila euro. Un particolare che indica come il turista che sceglie Riccione sia un turista con carta di credito abituato ad usarla. Un turista che spende e ha un potere di acquisto importante». L'estate non è finita, ma Caldari è ottimista, sottolineando il «successo del brand Riccione», successo determinato dagli operatori del territorio, che hanno saputo 
«adeguare, migliorare e perfezionare sempre di più i propri prodotti». Chiosa l'assessore Caldari: «A Riccione possiamo vantare eccellenze a livello nazionale e internazionale in ogni segmento economico e turistico. Questo vedete è gioco di squadra!»