Marted́ 22 Settembre15:04:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Urbino: torna la Festa del Duca, dedicata al grande artista Raffaello Sanzio

Nel 500esimo anniversario della morte, diversi omaggi al pittore nella kermesse che torna da oggi al 14 agosto

ASCOLTA L'AUDIO
Eventi Urbino | 09:41 - 11 Agosto 2020 Torna la Festa del Duca a Urbino (11-14 agosto) Torna la Festa del Duca a Urbino (11-14 agosto).

La Festa del Duca di Urbino, la principale manifestazione che segna l’estate della Capitale del Montefeltro, torna dall’11 al 14 agosto 2020 e sarà all’insegna di Raffaello nel 500°anniversario della morte del grande artista urbinate.

La 39° edizione, organizzata in base alle disposizioni in materia di emergenza sanitaria,
oltre a proporre le tradizionali manifestazioni della Festa, con mercati storici ed artigianali, allestimenti rinascimentali in piazza del Duca e nei vicoli della Città, rievocazioni storiche con i figuranti, musici e spettacoli per bambini, dimostrazioni di scherma e giochi pirotecnici nella serata conclusiva, propone anche un nuovo format: Raffaello Theatrum che avrà un grande rilievo culturale mediatico e che sarà incentrato sulla figura eclettica del geniale artista pittore/architetto e anche poeta.
Il programma propone nove eventi e produzioni in esclusiva su Raffaello, con attori e musicisti di prestigio e testi teatrali e sinfonie scritte ed eseguite in prima nazionale assoluta a Urbino.

«Guardaremo Raffaello come Theatrum, al suo Mondo d’Arte e all’ Artista che ha vissuto a Urbino, dove tutto ebbe inizio, e alla sua  precoce morte in quel di Roma - dichiara il direttore del progetto prof. Massimo Puliani - Theatrum, come visione d’insieme,  “osservazione”, attraverso linguaggi espressivi molteplici, come  luogo di incontro del pubblico per celebrare un rito.
E per questo che abbiamo voluto abbinare alla Festa del Duca, un titolo tutto dedicato a Raffaello: per onorarlo, per esaltare le celebrazioni dei 550 anni della sua morte, per indagare sulle sue espressioni artistiche non solo pittoriche, ovvero sia teatrali, letterarie, poetiche, architettoniche»
.

Tra le iniziative, il concerto inaugurale del festival (11 agosto) con Form Orchestra, Filarmonica Marchigiana, che suonerà l’Inno Nazionale di Mameli. L'orchestra sarà diretta dal maestro Michele Mangani, compositore di "Raphael, Sinfonia n.1",  opera composta per il 500esimo anniversario della morte di Raffaello Sanzio, commissionata dall’ARS.
 
Il 12 Agosto è in programma un altro evento in prima nazionale realizzato e prodotto dall’ARS: "Vita, amori e morte di Raffaello", con l'esecuzione del Requiem di Mozart. 
Sono stati chiamati per questa rappresentazione dedicata a due geni dell’umanità, che in comune hanno la visione identitaria e totale dell’arte e la tragica fine della loro esistenza (una sorta di “parallele convergenti”) l’attore/performer Max Paiella (noto al grande pubblico come showman del “Ruggito del Coniglio” di Radio 2) e lo String Quartet Gagliano di Napoli che è il massimo esecutore mozartiano. Il testo (montato e ampliato da Massimo Puliani) è del più grande storico dell’arte dell’epoca, Giorgio Vasari a cui sono state aggiunte le poesie scritte da Raffaello stesso e la descrizione del funerale di Raffaello da parte del signor Audin. Le prove dello spettacolo saranno fatte a Urbino.

IL PROGRAMMA COMPLETO

ASCOLTA L'AUDIO